Agrifoglio in cucina? Provate le foglie (e scartate le bacche)

Le sue bacche rosse sono tossiche e utili solo per decorare la casa, ma le foglie di questa pianta di Natale possono insaporire brodi o infusi energizzanti

Proprietà degli alimenti

Ideali per decorare le tavole delle feste, le foglie di agrifoglio hanno anche usi e proprietà da scoprire. A ben vedere, proprio le foglie di questa pianta simbolo di Natale sono utili per insaporire brodi o preparare infusi energizzanti. Ma attenzione alle bacche: quelle sono tossiche e non possono essere mangiate. L’agrifoglio è protagonista delle decorazioni propiziatorie fin dai tempi antichi, e il rispetto per questa pianta spinosa ha origini ancora più remote. I Romani usavano regalare l’agrifoglio agli sposi novelli in segno di augurio, gli stessi Celti lo consideravano sacro e capace di difendere dai disagi dell’inverno. Nel Medioevo si credeva inoltre che le foglie acuminate e pungenti dell’agrifoglio avessero il potere di scacciare gli spiriti maligni.

L’agrifoglio è in effetti una pianta forte non priva di proprietà. Questo sempreverde originario del Regno Unito e dell’Europa centrale, è in grado di crescere in diversi ambienti e terreni, compresi quelli marittimi. Nel tempo si è diffuso al punto da essere considerato infestante in molti Paesi. L’agrifoglio ha abbondanti foglie di un verde brillante che si raccolgono in ogni momento dell’anno. Siccome possono restare sull’albero fino a cinque anni prima di cadere, è meglio dedicarsi a quelle più giovani, che sono anche le più spinose e - in genere - si trovano nella parte più bassa del fusto.

Quanto alle bacche rosse, sono frutti che compaiono solo nelle piante di genere femminile. Maturano tra ottobre e novembre, giusto in tempo per abbellire il Natale. Ma queste drupe rossissime non vanno assolutamente mangiate poiché contengono ilicina, una sostanza altamente tossica. Le foglie dell’agrifoglio – da raccogliere sul momento per utilizzarle freschissime - sono invece perfette per preparare tè, infusi e brodi. Questi ultimi si possono utilizzare come base per piatti sia dolci che salati come sorbetti, zuppe o risotti. Inoltre, un infuso alle foglie di agrifoglio può fare da sostituto al caffè offrendo una sferzata di tonificante energia. Per preparare uno sfizioso tè di Natale si possono mettere in infusione in mezzo litro d’acqua (o preparare un decotto) cinque foglie di agrifoglio fresche, due foglie di alloro, due chiodi di garofano e un pizzico di pepe bianco. Una bevanda speziata ed energizzante da gustare con limone e miele.

Tre spezie che non possono mancare nei dolci delle feste



Stampa in PDF