Barba di frate, per rimettersi in forma con gusto

Saziante, ricca di vitamine e povera di calorie, è l’ortaggio ideale per depurarsi e ritrovare la linea in attesa dell’estate

Proprietà degli alimenti

Ricca di vitamine e sali minerali, ma povera di calorie. La barba di frate, o agretti, si candida come ortaggio ideale per i menù (e le diete) di primavera. Le sue foglie filiformi ricordano l'erba cipollina, ma si distinguono perché più sottili, piatte e succose. Il colore verde brillante lo devono alla clorofilla, mentre il nome lo prendono dal sapore acre e pungente. Ma che siano chiamati agretti, barba di frate, oppure lischi, liscari, riscoli, rospici o senape dei monaci, si tratta sempre di giovani piantine di Salsola soda, una pianta che cresce nelle aree mediterranee e si usa in cucina da marzo fino all’inizio di giugno.

La barba di frate è dunque leggera e ricca di sostanze come potassio, caroteni, vitamina C e B3 e soprattutto calcio. La sua composizione nutrizionale la rende diuretica e depurativa, ma anche rimineralizzante. Grazie al contenuto di sali minerali e clorofilla, facilita l’eliminazione delle scorie, depurando il sangue da colesterolo e trigliceridi. È un alimento saziante, regolatore dell'assorbimento lipidico e moderatore dell'indice glicemico; ecco perché è adatto nelle diete per rimettersi in forma.

Per sfruttarne al meglio le proprietà, l’ideale sarebbe consumarla ogni giorno per un mese, scottata velocemente o al vapore. Questi ortaggi sono ricchi anche di folati, importanti vitamine del gruppo B, che favoriscono l’assorbimento dei nutrienti da parte dell’organismo. Per evitarne il più possibile la dispersione insieme alle altre vitamine e sali minerali, oltre agli accorgimenti di cottura, è meglio non tagliare le foglie di netto con il coltello ma spezzarle con le mani. Pare infatti che la rottura casuale delle fibre vegetali attivi meccanismi enzimatici capaci di rendere i folati meglio assorbibili dall’organismo.



Stampa in PDF