Bellezza e benessere con le bacche di rosa canina

Per arricchire tisane o marmellate. Ecco un ingrediente immancabile per prendersi cura del sistema immunitario e fare il pieno di antiossidanti

Proprietà degli alimenti

Le bacche di rosa canina si raccolgono di norma dopo la prima gelata e si usano in cucina per insaporire marmellate e tisane invernali. Già, perché le bacche di rosa canina non solo sono ricchissime di vitamina C (426 mg per 100 grammi di prodotto), ma contengono anche un’ampia gamma di antiossidanti - fra cui betacarotene e provitamina A – che rallentano l’invecchiamento cellulare mantenendo la pelle bella ed elastica. Non è un caso infatti che  la rosa canina sia ampiamente usata nella produzione di cosmetici.

Per beneficiare dell’elevata dose di vitamina C è bene dedicarsi ai frutti freschi. In Italia questa specie di rosa selvatica è molto diffusa: s’incontra lungo le siepi, al limitare dei boschi e dei campi coltivati, ma anche in boscaglie di faggi e querce fino ai 1800 metri. Per gustare le bacche di rosa canina fresche occorre raccoglierle in autunno inoltrato (pare che il momento migliore sia dopo la prima gelata), tagliarle a metà ed eliminare i semi e la peluria che contengono poiché potrebbe risultare irritante. Si passano quindi sotto l'acqua corrente e sono pronte per diventare ingredienti di frullati e centrifugati (magari abbinandole alla mela) o per insaporire macedonie fresche. Tra le specialità tradizionali che contengono bacche di rosa canina non mancano inoltre marmellate, mostarde e liquori.

Che differenza c’è tra… frullato e centrifugato

Per preparare tisane o decotti, le bacche di rosa canina vengono invece essiccate e sminuzzate e sono disponibili in erboristeria. Questi piccoli frutti dal colore vermiglio contengono anche vitamine del gruppo B, con particolare riferimento alla vitamina B2 e alla vitamina B1, oltre a vitamina K e vitamina P. Sono usate anche per il trattamento di dolori articolari e la prevenzione di tosse e raffreddore. Le bacche di rosa canina hanno proprietà antinfiammatorie che le rendono utili per mantenere in equilibrio l’organismo. Sono infine consigliate per la loro azione diuretica e la capacità di alleviare infiammazioni gastrointestinali. Pare che loro tante proprietà fossero note fin dai tempi antichi, quando le bacche di rosa canina erano già preziose in cucina e nei rituali di bellezza.

Segreti e proprietà dei petali di rosa



Stampa in PDF