Chiodi di garofano, la spezia di Natale dalle tante proprietà

Viaggio tra i poteri tonici, curativi e analgesici del bocciolo essiccato di Eugenia caryophyllata, ricco di gusto e dalle proprietà antiossidanti

Proprietà degli alimenti

Il chiodo di garofano è una spezia dal sapore natalizio e dalle proprietà sorprendenti. Questo piccolo bocciolo essiccato della pianta di Eugenia caryophyllata racchiude in sé veri e propri poteri curativi, tonici e analgesici. Il nome pare lo debba alla sua forma che ricorda proprio un piccolo fiore di garofano, ma la notorietà deriva dal suo gusto intenso e speziato, ideale per guarnire le tavole d’inverno o profumare infusi dalle proprietà antinfiammatorie e digestive.

Il chiodo di garofano occupa oggi un posto d’onore nelle cucine di differenti Paesi, ma la sua storia lo vede da sempre utilizzato come spezia curativa. Tra gli altri componenti, i chiodi di garofano contengono infatti flavonoidi, tannini, triterpeni e composti volatili tra cui l’eugenolo, componente base dell’olio essenziale e responsabile del potere analgesico e antinfiammatorio di questa spezia. Fin dall’antichità i chiodi di garofano erano utilizzati proprio per le proprietà analgesiche, trovando il maggior utilizzo nella cura del male ai denti (applicandoli direttamente sulla parte dolorante o tramite gargarismi) e per lenire le infiammazioni cutanee (utilizzandone l’infuso). Oggi questa spezia è molto utilizzata in innumerevoli ricette, non solo natalizie.

Tre spezie che non possono mancare nei dolci delle feste

I chiodi di garofano hanno anche ottime proprietà toniche. Aiutano a vincere la spossatezza e il mal di testa, stimolando la circolazione sanguigna. Per lo stesso motivo, i chiodi di garofano sono considerati anche dei buoni afrodisiaci. La loro ricchezza di antiossidanti li rende ottimi alleati per contrastare l’invecchiamento della pelle e di tutto l’organismo. Sono in grado inoltre di ostacolare il processo di ossidazione dei grassi, preservando la freschezza e la conservazione dei cibi. Oltre ai dolci delle feste e a speziati infusi invernali o vini aromatizzati, in cucina è interessante utilizzare i chiodi di garofano anche come accompagnamento a carni, formaggi stagionati e alcune verdure. Per farlo è sufficiente aggiungere pochi chiodi di garofano nel condimento per assaporane il tono intenso e godersi il magico effetto delle sue tante proprietà.



Stampa in PDF