La dieta del sole: carote, spinaci, albicocche e peperoni verdi

Qualche consiglio per tenere a bada i radicali liberi e dedicarsi a un’abbronzatura che non stressa la pelle
ANTIOSSIDANTI E OMEGA 3
Qualche consiglio per tenere a bada i radicali liberi e dedicarsi a un’abbronzatura che non stressa la pelle

Una pelle a prova di abbronzatura si conquista a tavola. Il sole in estate ci fa belli, però occorre stare attenti. L’esposizione ai raggi solari comporta infatti un aumento dei radicali liberi – che hanno effetti ossidativi sulle funzioni cellulari - e a risentirne è l’elasticità e la freschezza dei tessuti.

La pelle in questo momento dell’anno ha dunque bisogno di particolari attenzioni. Oltre al rispetto delle buone prassi da seguire per esporsi al sole, indicate anche dal Ministero della Salute, anche un menù mirato può fare la sua parte.

Per tenere sotto controllo i radicali liberi è importante consumare alimenti ricchi di sostanze antiossidanti come carotenoidi, e in particolare il betacarotene contenuto ad esempio in carote, spinaci, albicocche, e peperoni verdi. Spazio anche ai flavonoidi che si trovano nei frutti rossi, la vitamina C di kiwi, agrumi e pomodori. Un’alimentazione dedicata al sole dovrebbe anche fornire sali minerali e i preziosissimi Omega 3 che aiutano la pelle a rimanere elastica. È bene dunque dedicarsi a tanta frutta e verdura colorata, pesce azzurro, cereali integrali, semi oleosi; lasciare spazio a olio extravergine d’oliva e sale marino integrale. Da non dimenticare che il troppo sole ha controindicazioni, ma l’esposizione ai suoi raggi è indispensabile anche per assorbire preziosa vitamina D, difficile da immagazzinare attraverso gli alimenti e necessaria per mantenere in salute le ossa e tutto l’organismo.


Stampa in PDF