“OPERA TUA”: VOTA L’OPERA D’ARTE DA RESTAURARE

Sei un socio di Coop Alleanza 3.0? Fino al 10 novembre per ogni tappa di “Sapori, si parte!” scegli un capolavoro artistico da recuperare
grazie al contributo della cooperativa: subito per te uno sconto per l'acquisto di prodotti del territorio!

Melissa scaccia-stress: provatela in cucina

Antiossidante e scaccia-stress, questa pianta officinale al profumo di limone aiuta a digerire meglio e a dormire di gusto. Anche nei cambi di stagione

Proprietà degli alimenti

Se cercate un alleato per affrontare il cambio di stagione, la Melissa è l’ingrediente che fa per voi. Questa pianta dal profumo di limone pare infatti sia un ottimo antistress naturale, capace di calmare i nervi, aiutare la digestione e il buon sonno. L’aroma lo deve alle sue foglie, ricche di olio essenziale, che da sempre sono usate per trattare stati d’ansia, disturbi gastrici di origine nervosa e mal di testa. Per la sua azione antispasmodica, antinfiammatoria e carminativa quest’erba officinale è indicata anche in caso di dolori mestruali, nevralgie, nausea, crampi addominali e colite.

Cibi per combattere lo stress

La Melissa officinalis è una pianta erbacea perenne della famiglia delle Labiateae. Cresce spontanea nell'Europa meridionale e nell'Asia occidentale. In Italia si raccoglie in luoghi ombrosi o accanto alle siepi e può essere coltivata senza fatica. Accanto alle tante proprietà benefiche, la melissa può tuttavia avere alcune controindicazioni sulle quali è bene confrontarsi con medico o erborista. In particolare, eccedere nelle dosi può causare ansia anziché sedarla; inoltre è da evitare per chi soffre di disturbi alla tiroide, come l’ipotiroidismo.

Se da un lato le virtù calmanti della melissa erano sfruttate fin dall’antichità – e particolarmente apprezzate durate il Medioevo –, il suo aroma fresco e aggrumato può aggiungere un tocco di stile e benessere anche in cucina. La melissa si usa in genere fresca ed è ottima per aromatizzare i piatti a base di pesce e frutti di mare, per insaporire zuppe e legumi, o per mitigare dei gusti forti come quello pungente dell’agnello. Provate le foglioline fresche aggiunte a insalate e a condimenti, oppure impiegatele per aromatizzare olio, formaggi e yogurt, magari abbinate alla menta.

Come aromatizzare l’olio

La melissa è ottima anche assunta sotto forma di tisana, oppure si può aggiungere a dolci, creme e gelati.  È inoltre perfetta da inserire in certe confetture di frutta: basta tritare le foglie e aggiungerle a metà cottura. Il suo tocco aggrumato si rivela davvero prezioso nella tradizionale confettura di mele e melissa, ma pare sia da provare anche abbinata a fragole e fichi.



Stampa in PDF