“OPERA TUA”: VOTA L’OPERA D’ARTE DA RESTAURARE

Sei un socio di Coop Alleanza 3.0? Fino al 10 novembre per ogni tappa di “Sapori, si parte!” scegli un capolavoro artistico da recuperare
grazie al contributo della cooperativa: subito per te uno sconto per l'acquisto di prodotti del territorio!

Rape, Mandorle e Scarola: ingredienti per la spesa di febbraio

Si gustano le ultime specialità dell’inverno nel mese più breve dell’anno. Ecco tre prodotti ideali per il benessere e l’equilibrio dell’organismo

Guida all'acquisto

A febbraio l’inverno vive le sue ultime battute. Sulle tavole è bene lasciare spazio a prodotti leggeri ma ricchi di nutrienti, utili per la salute e l’equilibrio dell’organismo. Ecco tre specialità di stagione da inserire nella lista della spesa.

Se volete vincere la stanchezza grazie a vitamine e sali minerali, portate in tavola le rape. Gustose e ipocaloriche (18 kcal per 100 grammi), aiutano a mantenere il benessere dell’intestino grazie all’apporto di fibre. Per circa il 94% sono composte d’acqua e la loro azione diuretica e depurativa le rende alleate dell’apparato urinario. Non è tutto: il decotto di rapa allevia il mal di gola e i sintomi del raffreddore (per conoscere le dosi è bene chiedere all’erborista). In cucina la rapa è ottima anche consumata cruda, con un filo d'olio e un pizzico di sale. Ma se volete fare il pieno di antiossidanti e fibre provate la Brovada Dop, specialità del Friuli Venezia Giulia che si ottiene dalla fermentazione di una cultivar locale: la rapa bianca dal colletto viola, conosciuta, appunto, come “rapa da brovada”.

C'è ancora tempo per l'ultima Brovada DOP di stagione

Nella lista della spesa non devono mancare le mandorle che, grazie all’elevato contenuto di grassi “buoni”, aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo, contribuendo alla salute del cuore e della circolazione. Le mandorle apportano fibre (circa il 12%) e una buona dose di vitamina E (24,7 mg per 100 grammi) alleata della pelle. Sono inoltre ricche di sali minerali, in particolare magnesio, ferro e calcio. Le mandorle sono benefiche ma caloriche, quindi è meglio non esagerare, specie se si è alle prese con i chili di troppo accumulati durante l’inverno. Sono ottime nei dolci e nei piatti salati, ma anche da bere. Il latte di mandorla (?) è infatti un buon sostituto di quello vaccino: contiene meno proteine, ma la consistenza e il sapore dolce lo fanno amare anche ai più piccoli. In Italia le regioni delle mandorle sono Sicilia e Puglia che insieme coprono circa il 90% della produzione nazionale.

Quattro alternative vegetali al latte vaccino

Febbraio è ancora tempo di insalata scarola. Questa croccante varietà di indivia è ideale per chi vuole restare leggero o rimettersi in forma. Ha proprietà toniche, leggermente diuretiche (grazie al contenuto di acqua che supera il 90%) e lassative. La scarola ha poche calorie (16 kcal per 100 grammi) ed è una verdura ricca di vitamina A e C (35 mg per 100 grammi), vitamina K e vitamine del gruppo B, nonché potassio e calcio. Oltre ad essere versatile in cucina si conserva a lungo in frigorifero.  Per non disperderne le proprietà occorre mangiarla cruda, ma è da provare anche saltata in padella brevemente con poca acqua, aglio e peperoncino. Per apprezzarla in una delle ricette più tradizionali, provate la Pizza di scarola napoletana, un classico della cultura gastronomica partenopea.

Si fa presto a dire insalata



Stampa in PDF