Tre piante per dormire sonni tranquilli

Escolzia, Valeriana o Passiflora da aggiungere negli infusi della buonanotte per affrontare il cambio di stagione senza insonnia e stress
per recuperare il sonno in modo naturale


Dormire sonni tranquilli è una questione di ritmo, relax e tranquillità mentale. Aspetti che talvolta il cambio di stagione finisce per mettere alla prova, portando con sé ansia e insonnia. Si può allora dare spazio ad alcune erbe che - prese in un infuso prima di coricarsi o seguendo le indicazioni dell’erborista - aiutano a ritrovare la pace necessaria.

Ecco tre piante per chi ha perso il sonno e desidera recuperarlo in modo naturale.



Escolzia: per chi tarda a prender sonno o si sveglia a causa dei crampi
Chiamata anche papavero della California, è indicata per chi tarda ad addormentarsi poiché stimola l’attività secretiva dell’epifisi. L’Escolzia è ideale in caso di sonno disturbato da crampi poiché svolge azione antispasmodica e rilassante. Gli alcaloidi contenuti nell'Escolzia hanno inoltre un buon potere sedativo e calmante del dolore. Se ne sconsiglia tuttavia l'uso in gravidanza o durante l'allattamento, e in soggetti ipotesi. Il suo lieve potere ipnotico aiuta a indurre il sonno, limitandosi però ad agire solo per alcune ore.



Passiflora: calma l’ansia e stimola il sonno fisiologico.
Utile contro l’insonnia, l’ansia, la tachicardia e i disturbi dell'età avanzata. Stimola un sonno fisiologico senza risvegli notturni, e non causa senso d’intorpidimento mattutino o assuefazione. È utilizzata in caso di stress o ansia, ma anche nelle forme di nevrosi isterica, ossessiva e post traumatica, nonché nei disturbi della menopausa come irritabilità, depressione e tachicardia.



Valeriana: per prendere sonno facilmente e ritrovare la pace.
Ha un’azione calmante sul sistema nervoso che consente di accorciare i tempi necessari per prender sonno e migliorare la qualità del riposo, soprattutto nelle prime ore della notte. È utile per calmare gli spasmi ed è usata come coadiuvante nel caso di problemi di angoscia e palpitazioni nervose. Si può assumere con una tisana oppure scegliere di aggiungerla in un bagno rilassante. È sconsigliata ai bambini e alle donne in gravidanza. 


Stampa in PDF