Una mela al giorno… ma anche due

Talmente amato da diventare quasi banale, il frutto del peccato non smette di stupire svelando sempre nuove virtù.
PREVIENE IL DIABETE DI TIPO II
Talmente amato da diventare quasi banale, il frutto del peccato non smette di stupire svelando sempre nuove virtù.

Alto valore simbolico e massimo gradimento. Se la mela è da sempre stata tra i frutti più amati, la sua immagine (in versione con il morso) ha ormai conquistato anche il mondo della tecnologia. Il frutto del peccato dovrebbe ormai aver esaurito il suo potenziale e invece non smette di stupire svelando sempre nuove virtù.

Stando a un recente ricerca della Harvard University, ad esempio, le mele così come i mirtilli e l’uva aiuterebbero a prevenire l’insorgere del diabete di tipo due, quello più diffuso al mondo. Le sostanze contenute in questi frutti sarebbero infatti in grado di coadiuvare il controllo glicemico. Lo studio ha coinvolto oltre 187 mila persone di cui circa il 6,5% ha contratto la malattia durante la ricerca. Il confronto dei dati raccolti ha così mostrato che chi consumava mela, uva e mirtilli almeno tre volte a settimana aveva ridotto del 26% circa il rischio di ammalarsi.

Infondo le proprietà benefiche di questo frutto non son mai state un mistero. Il famoso detto popolare “una mela al giorno, leva il medico di torno” ha un fondamento preciso, visto può essere considerata un vero e proprio rimedio naturale. Con un bassissimo apporto di calorie (40 per 100 grammi) e grassi quasi assenti, la mela fornisce una buona dose di vitamina B1, che combatte inappetenza, stanchezza e nervosismo e di vitamina B2 che facilita la digestione, protegge le mucose della bocca e dell’intestino e rinforza capelli e unghie.

Oltre ai benefici per la salute, la mela sarebbe quindi una buona alleata anche della bellezza. Oppure fonte di relax se, scegliendo mele biologiche, se ne fa bollire la buccia per cinque minuti in acqua come elisir contro l’insonnia. E per chi vuole una maschera per tonificare il viso senza fatica basta stendere sulla pelle fettine di mela molto sottili e lasciarle riposare almeno 45 minuti. In particolare la mela cotogna sembra sia in grado di contrastare l’invecchiamento della pelle idratandola a dovere.


Stampa in PDF