Come aromatizzare l’olio

Scegliete le erbe aromatiche che preferite per preparare in pochissime mosse un olio semplice, gustoso e personalizzato da tenere in dispensa

Preparazioni e ricette

Cosa serve per aromatizzare l’olio? Occorre procurarsi bottiglie dotate di chiusura ermetica, meglio se con il tappo in sughero. Olio di oliva ed erbe aromatiche fresche o secche. Come si fa ad aromatizzare l’olio in casa? Lavate le bottiglie con sapone e acqua calda: lasciatele asciugare completamente prima dell'uso e accertatavi che ogni residuo d’acqua sia evaporato. Scegliete le erbe aromatiche che inserirete nella bottiglia per poi coprirle d’olio. Di norma è gradevole abbinato a timo, rosmarino, salvia, basilico oppure origano.

Si possono utilizzare erbe aromatiche secche o fresche. In quest’ultimo caso, per evitare la proliferazione di batteri nell’olio, è meglio essiccarle, magari passandole al forno basso e ventilato o lasciandole stese al sole (o all’ombra in base alle piante). A seconda delle ricette, si possono aggiungere altri ingredienti come aglio, limone o peperoncino. Prima dell’immersione nell’olio, le erbe aromatiche dovranno essere completamente secche e asciutte.

Come si conserva l’olio aromatizzato? L'olio assorbirà velocemente il sapore delle erbe e il suo aroma s’intensificherà con il tempo. Se avete utilizzato erbe aromatiche fresche oppure avete aggiunto aglio, limone o peperoncino, è consigliabile conservare l’olio aromatizzato in frigorifero e consumarlo entro una settimana circa. Se è a base di erbe seccheresterà buono più a lungo.



Stampa in PDF