Che differenza c’è tra… crema e vellutata

Spesso confuse, le due minestre hanno ingredienti diversi. Di mezzo c’è un prodotto utilizzato come legante: patata contro burro e farina

Definizioni

Calde, soffici e cremose, il piatto ideale per scaldarsi durante l’inverno gustando il sapore delle verdure, ma non solo. Creme e vellutate sono tra le minestre più classiche della cucina, ma spesso sono confuse tra loro. Eppure la differenza c’è e si sente. Pur essendo entrambe minestre definite “legate”, ovvero preparate con un ingrediente utilizzato come legante, la vellutata prevede l’utilizzo di farina e di burro, mentre nella crema possiamo trovare crema di riso, patate o panna. Perché allora sono confuse? In primo luogo per il loro aspetto, la loro consistenza e perché spesso protagoniste delle ricette sono le verdure. La vellutata è di solito preparata con due o tre ingredienti principali come le classiche verdure unite a un brodo addensato con burro e farina, il cosiddetto roux la base per la preparazione della besciamella. Per aggiungere sapore si possono unire tuorli d’uovo e panna.

La vellutata contiene farina e quindi se stiamo preparando un piatto per celiaci è bene trovare soluzioni alternative, come la farina di riso adatta a chi è intollerante al glutine. La crema ha una base di brodo e di solito è preparata con un solo ingrediente principale tra verdura, legumi, carne o pesce frullati. La purea è poi unita a panna o, come dicevamo, crema di riso o patate.

La preparazione della vellutata richiede un po’ di tempo in più rispetto a quella della crema, perché è necessario il roux. Una volta deciso se preferiamo la vellutata o la crema dovremo solo scegliere gli ingredienti. E allora spazio alla fantasia per creare abbinamenti originali e appetitosi, magari aggiungendo anche qualche spezia e un po’ di colore con verdura fresca utilizzata per decorare il piatto. Ricordate che vellutate e creme sono una perfetta soluzione antispreco. Se abbiamo a disposizione verdure non proprio fresche potremo sbollentarle e passarle nel mixer per ottenere una purea da miscelare con il roux e il brodo, la crema di riso o la panna.

Vellutata di topinambur e zucca

Potete servire vellutata o crema condendole con un filo d’olio o magari accompagnandole dall’intrigante aroma di una spezia. Se volete aggiungere un tocco finale al vostro piatto fate tostare alcuni dadini di pane integrale.



Stampa in PDF