“OPERA TUA”: VOTA L’OPERA D’ARTE DA RESTAURARE

Sei un socio di Coop Alleanza 3.0? Fino al 10 novembre per ogni tappa di “Sapori, si parte!” scegli un capolavoro artistico da recuperare
grazie al contributo della cooperativa: subito per te uno sconto per l'acquisto di prodotti del territorio!

Che differenza c’è... tra frutta candita e caramellata

Due procedimenti diversi producono due prodotti diversi: con la canditura la frutta perde gran parte del suo contenuto in acqua, al contrario che con la caramellatura

Definizioni

Spesso si utilizzano indistintamente i termini frutta candita e caramellata, ma sono due cose molte diverse. La canditura è un metodo antico per conservare la frutta immergendola nello sciroppo di zucchero. Di origine araba l’abitudine di candire la frutta (e in alcuni casi verdure come pomodori, cipolle, finocchi, zucca, carote o sedano) si fece strada in occidente intorno al XVI secolo grazie ai mercanti veneziani per entrare poi a far parte di un’importante e ricca tradizione dolciaria che ha fatto nascere delizie come la cassata siciliana, il panettone o la pastiera.

Cassata siciliana: ingredienti arabi e cake design barocco

Il dolce Natale siciliano, tra glasse e canditi

Nel processo di canditura la frutta perde gran parte del contenuto in acqua, mentre aumenta quello di zucchero che arriva fino al 70%, tanto che la sensazione è che il sapore dolce sovrasti gli aromi. Tutto però sta nell’abilità del pasticcere. Il processo per ottenere la canditura perfetta richiede giorni e pazienza. La frutta, tagliata a pezzi, viene infatti immersa nello sciroppo di zucchero sempre più concentrato e infine lasciata ad asciugare per almeno un giorno. Solitamente viene utilizzato lo sciroppo ricavato dalla barbabietola, ma un risultato migliore si ottiene con uno sciroppo di zucchero ottenuto cuocendo acqua e zucchero semolato o di canna. Per evitare la cristallizzazione del prodotto si aggiunge glucosio. Le preparazioni più pregiate e dal gusto raffinato utilizzano invece miele o mosto cotto. Così preparata la frutta si conserverà mesi.

Molto più semplice e rapido è il processo di caramellatura. Anche in questo caso lo zucchero è protagonista, ma la frutta non perde il suo contenuto d’acqua e rimane deliziosa e croccante. Si comincia preparando il caramello, quindi facendo cuocere zucchero e sciroppo di glucosio in una casseruola. Durante questa operazione è bene fare molta attenzione alla temperatura, perché è facile bruciare il caramello che vogliamo ottenere. Nel momento in cui il caramello comincia a prendere colore si blocca la cottura e si immerge la base della pentola calda in una ciotola di acqua fredda per qualche secondo. La frutta tagliata a pezzetti potrà essere immersa nel caramello e appoggiata su un foglio di carta forno fino a quando la superficie del caramello sarà asciutta e compatta. Un altro sistema per ottenere la caramellatura è aggiungere direttamente lo zucchero nella pentola insieme alla frutta.



Stampa in PDF