In punto vendita

Il Mercato dei sapori locali entra in scena a Piacenza, Parma, Modena e Rimini

Dal 26 settembre al 9 ottobre, negli ipercoop emiliano-romagnoli, i prodotti locali sono presentati dai produttori con informazioni, suggerimenti e degustazioni guidate 

Dal 26 settembre al 9 ottobre, il Mercato dei sapori animerà i punti vendita Gotico di Piacenza, Eurosia e Centro Torri di Parma, Grandemilia, I Portali e Il Borgogioioso di Modena, I Malatesta di Rimini. Tanti appuntamenti per conoscere da vicino i produttori e i loro prodotti, raccogliendo informazioni utili e suggerimenti, senza dimenticare le degustazioni. Questi ipermercati Coop Alleanza 3.0 vedranno protagonisti i prodotti del territorio.

Piacenza

A Piacenza si potranno apprezzare i salumi del territorio come la prelibata Coppa piacentina Dop, dal profumo dolce e il sapore delicato. Le origini della sua lavorazione, tipica della Valle dell’Arda, si legano alle tradizioni familiari custodite nelle cascine del Piacentino. Ancora oggi, questo insaccato dal carattere unico è prodotto con la carne di suini provenienti da allevamenti con sede in Emilia Romagna e Lombardia.

Coppa Piacentina Dop

Tra i salumi più amati c’è anche la gustosa Pancetta piacentina Dop, che a differenza di altre pancette è arrotolata, cioè composta da un’alternanza di strati di carne grassa e magra. Il profumo è dolce e al palato è morbida, tanto da sciogliersi in bocca quando si gustano le parti grasse.

Anche la produzione casearia non mancherà all’appuntamento e proporrà caciotte saporite e formaggi teneri come quelli prodotti nella Val Trebbia. Ci sarà anche la Ribiola della Bettola, un formaggio grasso, a pasta semi-cotta, ottenuta da latte vaccino crudo, caglio e sale. Un tempo era prodotto per i consumi famigliari e, solo occasionalmente, si trovava in vendita nelle sagre o nei mercati. La sua produzione è sempre più rara e per questa ragione la specialità casearia è stata inserita nell'elenco dei prodotti tradizionali del Ministero delle Politiche Agricole. Questo formaggio è ottimo da gustare con le genuine gallette di mais, di grano saraceno e di riso prodotte nella Val Tidone. Per brindare a Km 0 non si può dimenticare un buon bicchiere di Gutturnio Doc, uno dei primi dieci vini italiani ad aver ottenuto la Denominazione di origine controllata nel lontano 1967. Nato dall’unione di uve Barbera (dal 55% al 70%) e Croatina (dal 30% al 45%) è un nettare di Bacco dal colore rubino brillante e un sapore secco o abboccato, a seconda della tipologia (classico, classico riserva, classico superiore, frizzante, riserva o superiore).

Parma

Anche agli ipercoop Eurosia e Centro Torri di Parma saranno protagonisti i salumi. Del resto nel cuore della Food valley le specialità ottenute dalla lavorazione della carne di maiale sono immancabili. In primo piano ci saranno Culatello, Salame Felino Igp, il fiocchetto stagionato e tanto altro. Fiore all’occhiello sarà il Culatello, figlio prediletto dall'umida atmosfera della Bassa parmense. Il profumo di questo salume è delicato e il sapore è dolce pur conservando un’intensa sapidità.

Itinerari di gusto a Parma e dintorni: quattro passi nella food valley d'Italia

Tra le eccellenze del territorio c’è poi il Parmigiano Reggiano Dop, il Re dei formaggi, capace di conquistare con le sue eccellenti caratteristiche organolettiche. Non a caso si è fatto conoscere in tutto il mondo. Proprio il Parmigiano Reggiano Dop è il prezioso ingrediente di molte specialità come i tortelli di erbette, di zucca e di patate. Una spolverata di formaggio grattugiato prima di gustarli è poi un grande classico.

Nel Parmense è anche famosa la produzione di sugo, salsa e polpa di pomodoro di qualità. Nei campi non lontano dagli Appennini, il pomodoro è da oltre un secolo una delle principali colture, proprio come quella del frumento. In questa terra, dove a tavola si servono anche i bolliti, non si rinuncia alla salsa verde ortaggina, un misto di verdure (cipolle, cavolfiore, prezzemolo, finocchi, sedano, carote, peperoni verdi, cetrioli, olive e capperi) finemente tritate e condite con olio di semi di girasole, aceto di vino bianco, senape, sale e altri aromi.

Modena

Ed arriviamo a Modena con l’appuntamento del Mercato dei sapori all’extracoop  Grandemilia e agli ipercoop I Portali e Il Borgogioioso di Carpi. I produttori proporranno aceto balsamico di Modena Igp, salsa verde, un’ampia scelta di salumi, ciccioli, tortelli e salse, oltre alle famose tigelle.

L’Aceto balsamico di Modena Igp viene prodotto con percentuali diverse di mosto d’uva cotto, che conferisce al prodotto il sapore agrodolce e la sua vellutata densità. Il mosto d’uva viene miscelato con aceto di vino e caramello: maggiore è la percentuale di mosto e maggiore è la qualità dell’aceto balsamico di Modena Igp.

La salsa verde è un’altra specialità tipica emiliana capace di accompagnare i secondi piatti, soprattutto i bolliti di carne, ma anche tigelle e tramezzini. Gli ingredienti sono gli stessi che si ritrovano nella classica ricetta della nonna – prezzemolo, peperone, sedano, finocchi, capperi, olive, cipolla e alici – tritati finemente e messi in conserva con olio di semi di girasole e aceto di vino. Tra i salumi proposti ci saranno la profumata mortadella e la coppa artigianale, perfetti da gustare con le famose tigelle modenesi, piccole e fragranti focacce da farcire in mille in modi.

Tigella o crescentina? Questo è il dilemma

A tavola, specie quando si servono i formaggi, è sempre gradito il Savor, un delizioso composto di frutta simile alla mostarda. Questo prodotto trova le sue origini nelle tradizioni contadine emiliane e romagnole. Per prepararlo viene fatto bollire il mosto d’uva appena pigiato e poi si aggiunge la frutta: mele cotogne, pere, prugne, scorze d’arancia e la frutta secca di cui si dispone. Il Savor è un’autentica raffinatezza capace di accompagnare anche secondi piatti a base di carne e unirsi agli ingredienti dei dolci più golosi. Tra le proposte c’è anche la mostarda romagnola preparata con le mele cotogne, una ricetta piccante che conserva la frutta a pezzetti. E poi ancora la salsiccia naturale, la pasta di salsiccia da utilizzare nella preparazione di ragù e saporite ricette oltre ai famosi ciccioli, dal sapore deciso e speziato, ottenuti dalla lavorazione delle carni grasse e magre del suino.

Rimini

All’ipercoop I Malatesta di Rimini il Mercato dei sapori locali suggerisce specialità che non possono mancare a un appuntamento conviviale a tavola. In primo luogo vi saranno le proposte per un brindisi di qualità, del resto in Romagna la scelta non manca. Ci sarà il vino Trebbiano Doc e il Sangiovese, ma anche la birra di qualità – chiara, ambrata e rossa – che nasce con ingredienti capaci di valorizzare il lavoro e l’agricoltura del territorio.

Il Trebbiano di Romagna Doc è un vino dal gusto armonico che racconta di terre dal carattere generoso e di osterie d’un tempo. Il suo colore giallo paglierino può essere più o meno intenso, il profumo è vinoso e il sapore gradevolmente secco. Il vino Sangiovese, che si ottiene dall’omonimo vitigno, è un nettare di Bacco rosso dal profumo di viole e frutti di bosco. Al palato ha un gusto pieno, caldo, fruttato e tannico. Si produce nelle tipologie base, superiore, riserva e novello. Sulla tavola gioiosa riminese non può mancare lo Squacquerone di Romagna Dop, spesso utilizzato per farcire la gustosa piadina romagnola.

Lo squacquerone di Romagna si distingue per una cremosità unica, anche perché contiene per il 60% acqua. Una caratteristica questa che lo rende molto digeribile e lo distingue tra i formaggi freschi a pasta molle, ovvero tra quei prodotti caseari la cui cagliata, oltre a non essere stata sottoposta a cottura, non è stata nemmeno stagionata e non presenta crosta.

Cremoso e leggero, lo Squacquerone romagnolo Dop re di cremosità

Tra i formaggi stagionati ci sarà il pecorino romagnolo dalla crosta sottile e morbida e una pasta sgranata, morbida e friabile. Prodotto con il latte ovino del territorio e fatto stagionare almeno 40 giorni, offre persistenti sensazioni di freschezza oltre a note delicate di erbe e latte. Pronti a selezionare le vostre specialità preferite?

 

 

Leggi anche >> Le proposte del Mercato dei sapori locali conquistano gli ipercoop di Pesaro e Senigallia

 

Leggi anche >>  Produttori e consumatori si incontrano al Mercato dei sapori locali d’Abruzzo