In punto vendita

Mercato dei sapori locali: l’appuntamento con il gusto è a Pesaro

Dal 23 al 30 aprile, all’ipercoop Miralfiore di Pesaro, saranno protagoniste le produzioni del territorio con degustazioni e bancarelle dedicate ai prodotti della tradizione 

Con il Mercato dei sapori locali dal 23 al 30 aprile, all’ipercoop Miralfiore di Pesaro, entrano in scena i produttori del territorio con le loro specialità. Un’occasione per conoscere meglio le produzioni marchigiane in un vero e proprio mercato dove si intrecciano storie, sapori e consigli di prima mano, perché è con la passione per il proprio lavoro che si crea eccellenza.

Nel punto vendita Miralfiore sarà possibile anche assaggiare i prodotti in degustazioni organizzate per l’occasione. Ci saranno salumi, formaggi, prodotti da forno, pasta fresca, confetture e sottoli, vini, birre e anche caffè. Si potrà scoprire la porchetta marchigiana Signoracci, prodotto artigianale tipico del territorio secondo la ricetta di Vandro Signoracci . Una porchetta completamente disossata, che risulta più semplice da tagliare, sia col coltello che con l’affettatrice. La carne è condita con più aglio e con finocchietto selvatico rispetto alla versione laziale. La porchetta viene poi infornata con tutta la pelle. Il risultato è una crosta dorata e croccante, che la rende più saporita e appetitosa. Ci sono poi le olive ascolane Migliori, rinomato produttore di Ascoli Piceno. Le olive verdi, celebre specialità Made in Marche, dopo essere state denocciolate e riempite con un trito di carne vengono impanate e fritte. Non mancheranno i salumi Corsini con i prosciutti, la lonza stagionata e il lonzino, il salame di Fabriano, il salame di Ginestreto e Nostrano, il guanciale e molto altro. La posizione collinare dello stabilimento, nel piccolo borgo di Ginestreto, il lavoro artigianale e il clima favorevole permettono una stagionatura perfetta dei salumi. Il risultato sono prodotti aromatici e profumati di grande qualità.

Tra i produttori di salumi anche il Salumificio di Genga (Ancona), che tra le varie specialità della tradizione – compresi il lonzino, il salame lardellato oltre alla salsiccia fresca e stagionata “Qualità Marche” – produce salumi appositamente pensati per i celiaci e certificati dall’Aic (Associazione italiana celiachia): il salame di Fabriano e il Morbido di Genga.

Quando il salame è a prova di celiachia

All’appuntamento con il gusto ci saranno anche i formaggi del Caseificio Val d’Apsa di Urbino. Si potrà allora scoprire la Casciotta d’Urbino Dop, uno tra i più antichi formaggi d'Italia, prodotto con una miscela di latte ovino (70-80%) e di latte vaccino (20-30%). Ci sarà anche il Formaggio di Fossa di Sogliano Dop, profumato pecorino stagionato secondo l’antico metodo di stagionatura in grotte di tufo tipico delle vallate dell'Alto Montefeltro e delle Terre Malatestiane.

Casciotta di Urbino e Formaggio di Fossa: al Caseificio Val d’Apsa l’eccellenza è di casa

Ci saranno le specialità di Martarelli formaggi di Camerata Picena, formaggi stagionati, una ricca varietà di pecorini che raccolgono vari aromi come quelli di vinaccia o crusca, foglie di noce, freschi e freschissimi come la ricotta mista o di pecora e il mascarpone. Salumi, formaggi, oltre ai prodotti da forno come la Piada ai grani antichi arriveranno dalla Comunità San Patrignano.

Piada ai grani antichi: quando il sapore rustico è un progetto di riscossa

Il prosciutto di Carpegna prodotto da Fratelli Beretta è un’altra specialità da conoscere. Lavorato e stagionato tra le colline del Montefeltro, stuccato con farina, sugna, paprika e pepe, stupisce per la sua morbidezza, il colore leggermente ambrato e le note aromatiche.

Nel mercato di Territori.Coop all’ipercoop Miralfiore di Pesaro si potrà scoprire la qualità della pasta fresca del pastificio Salucci nelle sue varianti (pasta all’uovo, ripiena e semplice), ma anche quella trafilata al bronzo prodotta da Terra e cielo, che presenterà la saporita passata di pomodoro.

La Terra e il Cielo: dove il bio è di casa

Ci saranno anche le confetture e i sottoli Artis Cibarie “Cuore d’Italia”, prodotti con pomodori italiani, le migliori verdure marchigiane, carni e pesci selezionati da filiera controllata senza aggiungere coloranti né conservanti. Non solo. A presentarsi saranno anche i prodotti di Marino Montalbini, “l’agricoltore custode” che con il mais Ottofile, prodotto della biodiversità, produce farina per polenta e gallette.

La riscoperta del mays ottofile di Roccacontrada protagonista a scaffale

E per accompagnare con un brindisi tante specialità ci sono i vini Colonnara – come il Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc classico, la Passerina Marche Igt, il Falerio Doc Pecorino, la Lacrima di Morro d’Alba Doc – e la birra della società agricola Colleverde. Per finire il caffè Foschi.

La Cotta: una birra made in Italy che nasce dalla terra delle Marche

Se questi prodotti sono presentati direttamente dai produttori, ce ne saranno altri in esposizione. Qualche esempio? Il vino di visciole, la pasta Spegam, la Moretta di Fano, l’anice secco Varnelli, l’olio dell’Oleificio Mosci, le prelibate salse di Acqualagna Tartufi, il pane di Montefeltro, la pizza al formaggio  e tanto altro. Basta cominciare ad esplorare il gusto e la buona tavola marchigiana non avrà più segreti.