In punto vendita

Olio extra vergine di oliva Dop valle del Belice: il siciliano dall’aroma intenso e fruttato

Si ottiene esclusivamente dalla cultivar locale Nocellara e deve il sapore e il profumo armonico al dolce clima mediterraneo delle terre in cui nasce 

L’Olio extravergine d’oliva Dop valle del Belice racconta di una Sicilia fatta di profumi intensi e sapori generosi. Questa specialità che nasce nella parte occidentale dell’isola, lungo la vallata da cui prende il nome, parla anche di una tradizione antica che lega la coltura dell’olivo a questa terra dall’animo mediterraneo. Per produrre quest’olio Dop vengono utilizzate esclusivamente le olive della valle del Belice, in particolare si tratta della cultivar Nocellara che copre circa il 95% dell’area olivicola di queste zone. 

Nella valle del Belice la coltivazione degli ulivi è stata oggetto di sviluppo e cura già a partire dai tempi della Magna Grecia. La potenzialità dei terreni, la qualità dell’olio che si realizzava e l’agilità delle flotte fecero ben presto conoscere questo prodotto simbolo di pace, saggezza e prosperità in quasi tutto il bacino del Mediterraneo. Ancora oggi l’olio extra vergine di oliva Dop valle del Belice conserva il suo colore verde intenso e il profumo fruttato. La composizione aromatica è ricca e complessa, mentre il sapore varia dal medio al corposo a seconda del momento di raccolta delle olive che ancora si esegue principalmente a mano.

Come conservare l’olio in cucina

Il periodo di raccolta va da ottobre fino alla prima decade di dicembre. Ogni passaggio produttivo per realizzare l’olio extravergine d’oliva Dop valle del Belice viene eseguito senza utilizzare prodotti chimici. Lo stesso vale per le operazioni di diserbo e la difesa fitosanitaria che si avvalgono tra l’altro di tecniche ecocompatibili. Il risultato è un olio dalla grande armonia. Il grado di acidità molto basso lo rende ideale per il consumo a crudo come condimento su verdure, insalate, bruschette e pesce.