Bigoli de Bassan: un must della tradizione veneta

ll loro nome deriva dal torchio usato per fabbricarli. Questi spaghettoni ruvidi, spessi e corposi sanno trattenere i sughi e rendere unico ogni condimento

Veneto

I Bigoli de Bassan sono grossi spaghetti che appartengono dalla tradizione veneta. Il loro nome deriva dal torchio “bigolaro” usato per fabbricarli e - grazie alla loro consistenza - sono particolarmente adatti ad assorbire e trattenere i condimenti. Già, perché non c’è nulla di meglio di una pasta ruvida, spessa e corposa per esaltare i sughi e raccoglierne i sapori. Per questo motivo un tempo i veri i Bigoli erano solo quelli fatti in casa: la pasta doveva infatti essere compatta e porosa, con diametro giusto e laminatura paziente per non snaturarne le virtù. Oggi la tradizione dei Bigoli è portata avanti anche da aziende come Borella (nata nel 1935 con il nome Pastificio Bassanese) che ne garantisce la proverbiale consistenza e intesa con i sughi.

Bigoli, gli spaghettoni veneti con la passione per il sugo

Uno fra i condimenti più noti che li accompagna, è originario di Venezia ed è chiamato semplicemente “salsa”. La ricetta è a base di olio d’oliva, acciughe sotto sale e cipolle, con cui si prepara una sorta di crema. Si tratta di un piatto povero ma estremamente saporito che, per tradizione, si portava in tavola nei giorni “di magro” come la Vigilia di Natale o il Venerdì Santo.

Bigoli con carbonara di fiori di zucchina e Montasio DOP

I porosi spaghettoni vengono poi conditi in diversi altri modi a seconda della stagione e degli ingredienti che la terra mette a disposizione. Si trovano accompagnati con piselli, noci, funghi e non solo. Sconfinando nella vicina Lombardia si gustano con le sardelle fresche o sotto sale come vuole la tradizione mantovana, oppure con la luganega per portarli in tavola il Martedì Grasso. I Bigoli sanno dare il meglio di sé anche con il ricco ragù di anatra caro alle cucine vicentine. I Bigoli de Bassan, tipici di Bassano del Grappa (Vicenza) sono ottenuti da una sapiente dosaggio di semola di grano duro e acqua che gli conferisce il carattere inconfondibile.



Stampa in PDF