Ciliegia di Marostica Igp: la Rossa ha già il gusto dell’estate

Già da maggio, nell’Alto Vicentino, la primizia conquista il palato con la sua dolcezza. La città di Marostica la celebra con mostre e degustazioni durante la Festa delle ciliegie

Veneto

Una bella e gustosa rossa dalla polpa soda e squisitamente dolce. La ciliegia di Marostica Igp è sempre la prima tra le ciliegie a farsi apprezzare. Nell’Alto Vicentino, cullata dal mite microclima del territorio, si fa ammirare già dal mese di maggio e gli appuntamenti che la celebrano si moltiplicano. Del resto è lei la prima della classe, la ciliegia che sorride precocemente all’arrivo dell’estate e mette subito di buon umore il palato. E, giusto per non smentirsi, è la prima ciliegia in Italia ad aver ottenuto, nel 2001, il marchio di riconoscimento europeo Igp.

Un disciplinare indica i comuni di produzione (Salcedo, Fara Vicentino, Breganze, Mason, Molvena, Pianezze, Marostica e Bassano, dalla parte destra del Brenta e parte del territorio di Schiavon) e ne regola la produzione affinché le sue doti non siano confuse.

Il consorzio dei produttori ha scelto di venderla in confezioni dal peso massimo di 10 chili, riconoscibili dalla corretta dicitura “Ciliegia di Marostica Igp” e da un logo che raffigura una ciliegia di colore rosso squillante con peduncolo verde sovrapposta a una torre medievale come quella della scacchiera. Proprio quest’ultima, infatti, è il simbolo riconosciuto della città di Marostica “Città degli scacchi”. Secondo quanto disposto poi dal disciplinare, ogni ciliegia deve avere un calibro (diametro) minimo di 23 millimetri.

Una ciliegia di Marostica Igp tira l’altra: entra in scena la primizia rossa

Le prime a maturare sugli alberi sono della qualità Precocissime e Medio precoci, mentre a giugno si gustano le Tardive duracine e le Tardive. I frutti grandi e succosi, dalle proprietà diuretiche e depurative, sono ricchi di vitamine A, C, flavonoidi e minerali come potassio, fosforo, calcio, sodio, ferro, zinco, rame, fluoro e magnesio.

Troppo belle per durare solo una stagione. Ecco come conservare sotto spirito le Ciliegie di Marostica IGP

Le ciliegie si consumano fresche o come ingrediente di dolci e marmellate, ma la fantasia degli chef le propone anche in nuovi e originali abbinamenti. Un’occasione per assaggiare queste specialità è, senza dubbio, l’appuntamento con la Festa delle ciliegie a Marostica. Tra maggio e giugno la manifestazione, divenuta ormai una tradizione, accoglie numerosi eventi come cene a tema, degustazioni e la mostra regionale della Ciliegia di Marostica Igp che vede la partecipazione dei produttori locali.



Stampa in PDF