Cipolla bianca di Margherita Igp: una dolce biodiversa in terra di Puglia

Tenera e succosa, si coltiva a sud del Gargano tra il mare e le saline. E si gusta come condimento o contorno capace di esaltare i sapori senza coprirli

Cipolla bianca di Margherita Igp

La cipolla bianca di Margherita Igp ha un gusto dolce e unico, come il territorio in cui nasce. Questo tenero bulbo dal colore bianco cristallino si coltiva infatti in un luogo magico della Puglia: esclusivamente nelle terre di Margherita di Savoia (Barletta-Andria-Trani), Zapponeta e Manfredonia (Foggia), tra i profumi del mare Adriatico e la zona umida delle saline. E sono proprio i terreni sabbiosi in cui nasce a consentirle una maturazione più rapida rispetto alle altre cipolle, rendendola più tenera e dal gusto delicato, ma allo stesso tempo succulenta e croccante.

Gusto dolce e unico... come il suo territorio!

Oltre ad aver ottenuto il marchio Igp, la Cipolla bianca di Margherita rientra tra le varietà biodiverse censite dalla Regione Puglia nell’ambito del Progetto BiodiverSO. La produzione si basa infatti su ecotipi locali autoprodotti con una spiccata adattabilità all’ambiente della zona poiché selezionati, nel tempo, da generazioni di agricoltori. Ancora oggi la coltivazione della bianca di Margherita si basa quasi esclusivamente su lavoro manuale e tecniche di agricoltura integrata. Dopo la raccolta non è previsto alcun trattamento se non quello utile di favorire l’asciugatura dei bulbi che saranno lasciati per alcune ore nel campo. Si passa quindi al trasporto in magazzino, cui segue la spazzolatura, la calibratura e il confezionamento che è consentito solo nella zona di produzione.

Una cipolla certificata

La coltivazione della cipolla di Margherita sembra appartenere a queste terre già dagli inizi del XVIII secolo. Una specialità che ha dunque conservato un ruolo chiave anche nella gastronomia tradizionale dell’area. Per la sua dolcezza, è indicata come contorno di piatti sia a base di carne che di pesce, perché ne esalta il sapore senza coprirlo. Viene cucinata in umido e sulla griglia, in padella o al forno, ma è molto usata anche a crudo in insalata con patate lessate, cetrioli e carote, condita con olio extra vergine di oliva locale. La bianca di Margherita Igp è inoltre condimento tradizionale di molti piatti storici come le proverbiali zuppe e minestre di cipolla da gustare anche nella bella stagione.

Ricette con la Cipolla bianca di Margherita Igp



Stampa in PDF