Filiera corta e sistema ''entalpico''

Perchè sposare la filosofia del kilometro zero e investire sulle energie pulite: l’esperienza di un fornitore Coop.
Veneto
Nel salumificio Busin si lavorano carni di maiali nati, allevati e macellati nella provincia di Vicenza e alimentati con cereali coltivati nelle campagne limitrofe. Una scelta dettata dall’amore per la tradizione gastronomica del territorio e dal piacere di produrre un prodotto D.O.P. come la Soprèssa Vicentina, ma anche dalla volontà di rispettare l’ambiente.

Accorciando la distanza tra coltivatori, allevatori e produttori, la filiera corta riduce l’inquinamento, permette di contenere i tempi e i costi di trasporto, limita lo stress degli animali e mantiene salubre la loro carne. I trasporti brevi consentono inoltre un notevole risparmio energetico, limitando il consumo di carburante. La scelta di privilegiare l’acquisto di suini provenienti da allevamenti locali e alimentati da coltivazioni locali crea anche un valore aggiunto sul territorio e incentiva la biodiversità delle produzioni.

Il salumificio Busin ha scelto di introdurre un’altra innovazione “green”: ha costruito impianti di asciugatura e stagionatura a basso impatto ambientale. Generalmente, gli impianti consumano molta energia perché devono mantenere le condizioni ottimali di temperatura, umidità e ventilazione all’interno delle celle dove asciugano e stagionano i salumi. Nel salumificio Busin, tali impianti sono dotati di sistema entalpico, un sistema che sfrutta il potere deumidificante dell’aria esterna e il principio dello scambio di calore. Mediante unità di trattamento dell’aria e stazioni meteo al di fuori dello stabilimento, il sistema entalpico consente di risparmiare notevoli quantità di energia usando le condizioni ambientali esterne.


Stampa in PDF