Fragoline Caramellate: una dolce tradizione romagnola

La ricetta prevede fragole intere e zucchero da far bollire molto lentamente, come si faceva un tempo. Ne abbiamo parlato con Gabriele Bacchi, presidente di Alac a cui appartiene il marchio Fattorie Malatestiane 

 
Marche

Che succede quando le fragole di Cesena incontrano i segreti di una dolce tradizione? La risposta si trova nei vasetti di Fragoline Caramellate che racchiudono il gusto di una specialità tutta romagnola, evocando ricette antiche e cucine di campagna. A raccontarci questa storia è Gabriele Bacchi, presidente di Alac – Associazione lavoratori agricoli cesenati. Attiva da quasi cinquant’anni sul territorio, a partire dal 2008 Alac ha aggiunto alle attività nella sede di Gattolino di Cesena anche quella di trasformazione di prodotti locali, curando l’intero processo produttivo e firmandoli con il marchio Fattorie Malatestiane.

“Le Fragoline Caramellate seguono una ricetta che appartiene alle usanze romagnole” ha spiegato Bacchi. “Il procedimento è complesso: necessita di molta esperienza e di grande attenzione in fase di cottura. In breve, occorre avere la stessa pazienza e il proverbiale intuito delle donne che, per tradizione, le preparavano in casa”. Ed è proprio a quest’arte che Alac ha voluto rendere omaggio. “La ricetta prevede fragole intere e zucchero da far bollire molto lentamente. Il frutto deve infatti avere il tempo di rilasciare la sua stessa acqua, ma senza perdere forma e consistenza”. Una filosofia dei giusti tempi, dunque, da mettere in atto con cura. “Le Fragoline vengono quindi messe nei vasetti e pastorizzate senza l’aggiunta di alcun conservante o additivo” ha chiarito.

Questa dolce specialità nasce in un territorio unico, cuore della fragolicultura romagnola. Si prepara in primavera ma si può gustare lungo tutto l’anno. Per portarle in tavola non c’è una regola, assicura Bacchi, “sono ottime come dessert anche da sole, oppure accompagnate ad altri dolci: alla panna cotta, al gelato, ma anche allo yogurt”. Per chi ama i dettagli più ricercati, infine, non resta che inserirle nei menù “accanto a formaggi morbidi dal sapore fresco e delicato”. 



Stampa in PDF