Gallette di grano saraceno? In Emilia Romagna si fanno a km zero

Il Gallettificio Val Tidone ha scelto di portare avanti le tradizioni contadine di questi territori con filiere cortissime e rispetto per l’ambiente naturale    

Emilia-Romagna

C’è un luogo in Emilia Romagna dove i valori dal mondo contadino si traducono in gallette dall’anima localissima. In queste terre, a una manciata di km da Piacenza, dove la pianura emiliana s’incontra con il fiume Po, nascono le specialità del Gallettificio Val Tidone. Più che una produzione, si tratta di un vero e proprio progetto di valorizzazione di un territorio capace di offrire alta qualità rispettando filiere brevissime. Ed è questo impegno a caratterizzare il Gallettificio che, accanto alle tipiche gallette di mais, produce anche quelle a base di grano saraceno.

Grano saraceno: non chiamatelo cereale

La coltura di questo tipo di grano, privo di glutine e ricco di proprietà, sembra infatti abbia trovato subito casa nel territorio emiliano, ritagliandosi un posto d’onore nella produzione. Ogni galletta di grano saraceno firmata Val Tidone contiene dunque materia prima proveniente dalle due aziende su cui si basa il Gallettificio. Quando il raccolto dei campi non è sufficiente, il km zero è comunque rispettato coinvolgendo aziende agricole selezionate nelle vicinanze.

La filiera corta permette di avere una completa tracciabilità del prodotto e una garanzia di alta qualità. In queste gallette si può così assaporare tutto il legame con la natura e i lenti ma costanti ritmi quotidiani dell’agricoltura di una volta. Il loro sapore deciso si abbina senza sforzo a formaggi dal carattere vario: a partire da quelli morbidi per arrivare ai più stagionati. Sono dunque perfette per un aperitivo sfizioso e leggero, ma anche da portare in tavola al posto del pane.



Stampa in PDF