Il cocomero è maturo? Un quesito da “stacchino”, l’esperto che sa come bussare sul frutto ancora chiuso

Raccolti sempre al momento giusto, i cocomeri di Bellaguarda hanno il giusto grado di dolcezza grazie al lavoro degli stacchini

Lombardia

Ci sono le classiche angurie che pesano diversi chili (le cosiddette Crimson), ma ci sono anche le mini-angurie, che pesano al massimo due chili. Entrambe dolcissime, ottime come integratori grazie a potassio e sali minerali, ma destinate a una clientela molto diversa. “Oggi abbiamo numerose varietà - racconta Gianpaolo Sarzimaddidini, direttore di Bellaguarda - e possiamo proporre sul mercato angurie di svariate dimensioni mantenendo un’altissima qualità”. Ecco quindi le dimensioni ridotte, perfette per i single, da divorare in un'unica soluzione. “Conservandola in frigo si perde il sapore e molte delle sue proprietà”, spiega Gianpaolo.

Per gustarle al meglio è necessario acquistare angurie perfettamente mature. Chi di voi non ha mai provato a “bussare” un’anguria al supermercato per cercare di capire se la maturazione è perfetta? Sembra facile ma non lo è affatto, e spesso si è ingannati. La soluzione c’è: scegliere angurie che arrivino sugli scaffali già perfettamente mature. La cooperativa Bellaguarda, con quasi cinquant’anni di esperienza, ha da tempo scelto la strada migliore: avvalersi degli stacchini. “Si tratta di personale espertissimo, in grado di capire quando un’anguria ha raggiunto il giusto grado di dolcezza e consistenza al suo interno”, racconta Sarzimaddidini. La tecnica non cambia: dare dei colpetti con le nocche sulla buccia e scoprire se il suono ha quel leggero rimbombo interno tipico dell’anguria matura che spesso, per un profano, è facile confondere o male interpretare.

Ogni stacchino si muove nella coltivazione tutti i giorni, pazientemente, scegliendo di volta in volta le angurie giuste da raccogliere. Un lavoro certosino, che dà al consumatore la garanzia della dolcezza.



Stampa in PDF