Il nobile gusto del Fiocco di Sauris

Morbido e profumato, con il noto Prosciutto Igp condivide il clima mite, la leggera affumicatura e la qualità garantita da una tradizione senza uguali

Friuli Venezia Giulia

Il Fiocco di Sauris è una specialità dall’aroma raffinato che nasce in una terra unica, patria del noto Prosciutto di Sauris Igp. Fatto con la parte più nobile della coscia del maiale, magra e saporita, questo salume deve il suo carattere a una serie di fattori che combinano le virtù del territorio con l’arte di chi, da generazioni, si occupa di stagionare le carni. Con il Prosciutto Igp, il Fiocco di Sauris condivide infatti la leggera affumicatura e i vantaggi del microclima di quest’area che gli garantisce il gusto pieno e stuzzicante, adatto per antipasti o piatti unici.

Anche la produzione del Fiocco si concentra nella parte occidentale delle Alpi Carniche: più precisamente a Sauris, in provincia di Udine, a un’altezza non inferiore ai mille metri sul livello del mare. Qui il clima è mite e costantemente ventilato da brezze leggere. Il freddo invernale non è mai intenso e d’estate le giornate afose sono molto rare. L’aria è inoltre profumata dai boschi che forniscono le condizioni ideali per la produzione dei salumi affumicati con legno di faggio. Questa pianta figura infatti tra le specie autoctone, che grazie al basso contenuto di resine e alla larga diffusione, è particolarmente adatta – e da sempre usata – per l’affumicatura.

Viaggio a Sauris: il più piccolo e il più alto borgo del Friuli, famoso per il suo Prosciutto IGP

Già le prime comunità che s’insediarono a Sauris intorno al XII secolo, pare si dedicassero all’affumicatura delle carni. Un’arte portata avanti ancora oggi nella produzione del Fiocco di Sauris e degli altri pregiati salumi che si legano a queste zone, dove le tecniche di lavorazione friulane si combinano con quelle carinziane. Qui il fumo entra in gioco di norma dopo le prime fasi di lavoro, mentre il prodotto sta ancora maturando, in modo che i salumi restino delicati e morbidi con un lieve retrogusto di affumicato.

Foto di: Wold Sauris



Stampa in PDF