L’asparago verde dal cuore tenero cresce ad Altedo

Cresce nei terreni sabbiosi del Ferrarese e del Bolognese e per le sue caratteristiche uniche nel 2003 conquista l’Indicazione geografica protetta

Emilia-Romagna

Nel mese di marzo comincia la stagione dell’Asparago verde di Altedo Igp, che si protrae fino a giugno. Questa varietà di asparago cresce e viene coltivata solo in terreni sabbiosi e argillosi della provincia di Ferrara e nel Bolognese a nord della via Emilia. L’origine di questa coltivazione è antica. Già ai tempi dei romani gli asparagi di questo ampio territorio erano considerati molto pregiati. Proprio ad Altedo, nel cuore della tradizionale area di produzione e comune che ha dato nome al celebre ortaggio, nel Dopoguerra si diffuse l’asparago-coltura. Nel 1923 gli agricoltori del territorio andarono in Francia, a Nantes, per apprendere le tecniche di coltivazione dell’asparago e ritornarono aprendo una stagione di sperimentazioni. Dopo qualche anno la zona di Altedo si fece conoscere per la produzione di qualità dell’asparago. Proprio ad Altedo, ogni anno nel mese di maggio, si festeggia l’eccellenza del territorio con la sagra dell’asparago.

Dal sapore delicato e leggermente amaro e dal colore verde vivo, l’Asparago verde di Altedo Igp è anche particolarmente tenero per l’assenza di elementi fibrosi. Nel 2003 conquista l’Indicazione geografica protetta e, nello stesso anno, nasce il Consorzio di tutela dell’Asparago verde di Altedo Igp con lo scopo di tutelare e valorizzare il prodotto. Un disciplinare di produzione dispone rigide regole e controlli sul prodotto. Ad esempio, per essere commercializzato, l’Asparago verde di Altedo Igp deve rientrare in due categorie: “Extra” e “Prima”. Il turione, ovvero la parte edibile dell’asparago, deve essere intero, sano, di aspetto fresco, ben formato e con apice serrato.

L’Asparago verde di Altedo Igp è un ingrediente molto apprezzato in cucina, perfetto per la preparazione di primi piatti, in particolare di risotti o lasagne, ma altrettanto come contorno di pesce o crostacei e carne. Possono essere gustati semplicemente con l’aggiunta di olio extravergine di oliva e sale oppure gratinati. Per valorizzarne la consistenza croccante e il sapore dell’asparago è meglio evitare l’eccessiva cottura. Basta anche solo saltarlo in padella per ottenere un risultato molto appetitoso.



Stampa in PDF