“OPERA TUA”: VOTA L’OPERA D’ARTE DA RESTAURARE

Sei un socio di Coop Alleanza 3.0? Fino al 10 novembre per ogni tappa di “Sapori, si parte!” scegli un capolavoro artistico da recuperare
grazie al contributo della cooperativa: subito per te uno sconto per l'acquisto di prodotti del territorio!

La dolce tradizione veneziana degli Essi Buranei

Li preparavano le mogli dei pescatori e si gustavano festeggiando la Pasqua. Oggi questi biscotti dell’isola di Burano sono simbolo della tradizione in ogni momento dell’anno

Veneto

Il fascino della laguna veneziana vive anche nei suoi sapori e tradizioni. E non c’è nulla di meglio dei biscotti di Burano per raccontare di feste e dolci pensieri, impasti ricchi e vini passiti gustati in compagnia. Gli ingredienti sono semplici: farina, uova, burro e zucchero. A variare è la forma. Quella degli Essi Buranei disegna una linea ricurva che ricorda appunto la lettera esse. Con lo stesso impasto, nell’isola di Burano sono noti anche i classici Bussolai - detti Bussolà o Buranelli - a forma di anello o piccola ciambella; oppure quei piccoli bastoncini che, come gli Essi, pare si preparino utilizzando la pasta in eccesso dei Bussolai.

Si tratta dei biscotti tipici dell’isola di Burano, famosa per i merletti e le sue case colorate nella parte più settentrionale della laguna di Venezia. Sono dolci che in questa regione si legano alle festività pasquali, ma oggi si possono gustare in ogni momento dell’anno. In passato pare li preparassero le mogli dei pescatori perché gli uomini portassero con sé qualcosa di dolce ed energetico quando restavano in mare per lungo tempo. Gli Essi, come gli altri biscotti di Burano, si conservano infatti a lungo grazie alla loro consistenza secca ma per niente dura.

Gli Essi Buranei sono ancora oggi simbolo della dolcezza che Burano sa offrire, e non solo aspettando la Pasqua. Le varianti di questi biscotti non sono mai mancate. Si trovano canditi e arricchiti da gocce di cioccolato; oppure insaporiti con rum e agrumi, con un tocco di cannella o di vaniglia. In questi casi, sembra che per il loro aroma intenso fossero usati addirittura per profumare la biancheria nei cassetti. Al palato, la consistenza friabile li rende inoltre ottimi per accompagnare vini passiti o liquorosi, ma anche gustati come vero e proprio peccato di gola abbinati a zabaione o salse di cioccolato.



Stampa in PDF