Locorotondo Doc: il bianco pugliese dalle note delicate

Buono come aperitivo o accanto a piatti di pesce, questo vino fruttato si produce nelle aree di Brindisi e Bari dove i terreni sono argillosi e i vitigni coltivati ad arte

Puglia

Il Locorotondo Doc è un vino dal profumo delicato e il sapore asciutto. Le sue note armoniche si perdono in un retrogusto amarognolo che lo rende ottimo sia come aperitivo, sia da degustare tra portate di pesce, crostacei o carne bianca. Non manca inoltre chi – come il sito Pugliaandculture – lo suggerisce al fianco di un buon Canestrato Pugliese di breve stagionatura, oppure di fritture di pesce azzurro, pizza e panzerotti. In effetti, la bassa gradazione alcolica del Locorotondo Doc ne fa un vino leggero: adatto ad ogni occasione con il suo giallo dorato che, al calice, si presenta ricco di riflessi verdolini.

Questo bianco Doc deve il suo nome all’area di produzione che comprende i comuni di Locorotondo (Bari), Cisternino e alcuni territori all'interno del Comune di Fasano, nella provincia di Brindisi. Qui i terreni sono argillosi e le aree coltivate a vite si estendono ad un’altitudine tra i 280 e i 418 metri sul livello del mare. Le uve impiegate sono quelle tipiche della Valle d’Itria a cui appartiene questo vino fruttato dall’aroma caratteristico. Come recita il Disciplinare di produzione, si tratta prevalentemente del Verdeca, Bianco d’Alessano e Fiano con l’eventuale aggiunta di altri vitigni autoctoni a bacca bianca, ma in modesta quantità.

Il Locorotondo è inoltre l’unica Doc di Puglia a prevedere - per un vino bianco -anche le tipologie “Superiore” e “Riserva”. La prima ha un maggiore grado alcolico, ma una minore resa produttiva; mentre il secondo si differenzia per i leggeri sentori speziati e i tempi di affinamento. A rendere unico il Locorotondo Doc è infine la grande tradizione custodita da queste terre. Una combinazione di sapienza contadina e tecniche enologiche che, nel tempo, hanno contribuito a forgiare le tipicità di un territorio e ad ottenere un vino dalle caratteristiche uniche.



Stampa in PDF