“OPERA TUA”: VOTA L’OPERA D’ARTE DA RESTAURARE

Sei un socio di Coop Alleanza 3.0? Fino al 10 novembre per ogni tappa di “Sapori, si parte!” scegli un capolavoro artistico da recuperare
grazie al contributo della cooperativa: subito per te uno sconto per l'acquisto di prodotti del territorio!

'Nduja: il salame spalmabile alla calabrese

Tipico dell’altopiano del Poro, è morbido, cremoso e piccantissimo. Proprio per l’abbondanza di peperoncino il suo gusto è naturale e privo di conservanti

'Nduja: che cos'è e come si gusta

Morbida, cremosa e piccantissima. La 'Nduja è così: tanto gusto e nessun conservante, perché a mantenere intatto questo salame spalmabile ci pensa l’abbondante dose di peperoncino. Si tratta di una specialità dall’anima profondamente calabrese: un salume dal profumo intenso, la consistenza cremosa, il colore rosso scuro e il sapore molto piccante. Queste caratteristiche decise e irresistibili ne hanno fatto nel tempo uno dei prodotti tipici regionali più amati, poiché versatile, naturale e capace di soddisfare anche i palati più raffinati.

Caratteristiche della 'Nduja

La 'Nduja è tipica delle zone dell'altopiano del Poro. Si lega in particolare al comune di Spilinga (Vibo Valentia), ma l'area di produzione si estende anche al più vasto territorio del versante tirrenico, tanto che oggi quest’alimento è associato a tutta la Calabria. La 'Nduja si produce nei mesi invernali e si gusta tutto l’anno. Si utilizzano le parti più grasse della carne di suino – in particolare il lardello, il guanciale e la pancetta – alle quali viene aggiunta una buona dose di peperoncino piccante e di sale. Si passa quindi all’affumicatura e infine alla stagionatura (da un minimo di tre mesi a un massimo di sei) all’interno del budello dello stesso maiale, chiamato orba. Il peperoncino, con le sue proprietà antisettiche, consente inoltre a questo salume di essere privo di ulteriori conservanti.

Quando e dove viene prodotta la 'Nduja

Le origini della 'Nduja sono misteriose. Ancora oggi resta da accertare se furono gli spagnoli a introdurla in Calabria intorno al Cinquecento, oppure i francesi durante il periodo Napoleonico. Una cosa è comunque certa: la 'Nduja qui ha trovato casa, diventando parte integrante delle tradizioni culinarie del territorio. La sua versatilità la rende infatti protagonista anche in cucina, mentre la proverbiale piccantezza lo annovera tra i cibi considerati afrodisiaci. Provatela dunque spalmata su pane, crostini, bruschette, per sfiziosi aperitivi o antipasti. Ottima consumata su fettine di formaggi semi-stagionati, la 'Nduja può diventare anche base di sughi per primi piatti, come nel caso dei tipici Filei di Calabria, 'Nduja e mozzarella. Il suo carattere è inoltre adatto nella preparazione di frittate o secondi piatti a base di verdure.

Prova la 'Nduja in cucina

Allegati 


Stampa in PDF