“OPERA TUA”: VOTA L’OPERA D’ARTE DA RESTAURARE

Sei un socio di Coop Alleanza 3.0? Fino al 10 novembre per ogni tappa di “Sapori, si parte!” scegli un capolavoro artistico da recuperare
grazie al contributo della cooperativa: subito per te uno sconto per l'acquisto di prodotti del territorio!

Pasta cacio e pepe? La migliore è con i tonnarelli

Tra le ricette tipiche di Roma, questi spaghetti alla chitarra sono perfetti per i condimenti ricchi. Il segreto sta nella loro generosa porosità e nello spessore

Lazio

Tra i piatti che sono diventati simbolo di Roma a tavola c’è sicuramente la pasta, in tutte le sue declinazioni. Ma certo non si può dimenticare un bel piatto di tonnarelli, meglio se cacio e pepe o magari all’amatriciana. Più il condimento è ricco,  più i tonnarelli trionfano. Del resto sono una pasta all’uovo, dalla consistenza porosa, nata per raccogliere tutto il sapore del sugo e appagare il palato. Sono anche conosciuti come spaghetti alla chitarra e così chiamati perché tradizionalmente la pasta è tagliata con un utensile chiamato “chitarra”, un telaio in legno sul quale sono tesi sottili fili d’acciaio. La pasta preparata con semola di grano duro, uova e un pizzico di sale viene tirata con un mattarello fino ad ottenere uno spessore di 2-3 mm e poi stesa sulla “chitarra” per procedere al taglio degli spaghetti, che non avranno la classica sezione rotonda ma squadrata. I tonnarelli sono simili ai tagliolini, ma il loro spessore è decisamente maggiore.

Quando le specialità del Lazio si incontrano, la tavola è pantagruelica

La tradizione della cucina romana vuole che siano proprio i tonnarelli ad essere serviti secondo la ricetta “cacio e pepe”. Questi spaghetti dalla consistenza importante sono infatti perfetti per assorbire la cremosità del pecorino romano Dop unita all’aroma del pepe, ancor più marcato se macinato fresco.

Regola fondamentale per cucinare i tonnarelli è quella di non esagerare mai con la cottura, perché danno il meglio se al dente. Una volta pronti è preferibile non scolarli, ma tirarli fuori dall’acqua bollente aiutandosi con un forchettone. In questo modo i tonnarelli trattengono un po’ d’acqua di cottura che permetterà di amalgamare al meglio gli ingredienti direttamente in una ciotola. Un suggerimento? Provateli anche con il pesce.

 

Fonte immagine: https://www.flickr.com/photos/dags1974/3100483634



Stampa in PDF