Refosco, il vino friulano che a tavola ama gli aromi forti

Dal colore rosso rubino questo vino profuma di more e amarene. Se poi è dei Colli Orientali la sua struttura è ancor più importante e accompagna alla perfezione la carne

Friuli Venezia Giulia

In Friuli Venezia Giulia l’eccellenza è di casa quando si parla di enologia. È terra di vini bianchi di grande pregio e anche i vini rossi hanno espressioni molto alte dal punto di vista qualitativo. Tra i vitigni autoctoni a bacca rossa il Refosco (da ràp fosc, grappolo scuro) ha una storia antica, tanto che già nel XV secolo se ne descrivevano le caratteristiche di pregio. Quella del Refosco è, in realtà, una grande famiglia, perché esistono numerose varietà di questo vitigno in Friuli Venezia Giulia e altrettanti vini. C’è il Refosco Nostrano, il gentile, d’Istria, Refoscone, il Guarnieri e il più noto, perché più coltivato, Refosco dal peduncolo rosso. Quest’ultimo vitigno prende il nome dal peduncolo, il “rametto”, che unisce il grappolo alla pianta e che appare, appunto, di colore rosso porpora.

Non solo il tipo di vitigno è importante per conoscere un vino, ma anche il territorio in cui cresce, perché cambiano le caratteristiche del suolo e del clima e, di conseguenza, anche le caratteristiche organolettiche del prodotto. Per questa ragione, a seconda del territorio in cui è cresciuto il vitigno, i vini Refosco dal peduncolo rosso possono essere anche molto diversi tra loro.

Dove il clima è più mite e le piogge sono meno frequenti, il vino Refosco dal peduncolo rosso ha una struttura importante e, spesso, anche un grado alcolico più alto. Così avviene sulle colline orientali del Friuli, dove le correnti calde che arrivano dal mare e le montagne che proteggono la vallata a Buttrio, Cividale del Friuli, Manzano, Rosazzo o a San Giovanni al Natisone, in provincia di Udine, donano al prodotto un carattere unico, tanto da meritare una particolare denominazione. Il Refosco dal peduncolo rosso Friuli Colli Orientali Doc è un vino dal colore rosso rubino con sfumature violacee che profuma di more e amarene, capace di svelare al palato note speziate e un accenno di liquirizia, un gusto pieno e inaspettato che si mantiene fresco e persistente. La fermentazione alcolica e la macerazione avviene in serbatoi d’acciaio, poi si passa all’invecchiamento in acciaio e in barrique, fondamentale per esaltare al massimo le caratteristiche di questo vino.

A tavola il Refosco dal peduncolo rosso Friuli Colli Orientali Doc si sposa con le carni rosse arrosto o alla griglia, con salumi e formaggi stagionati. Ma è anche perfetto per accompagnare risotti ai funghi, primi piatti con tartufo nero e polenta. Come servirlo? A una temperatura di 16-18 °C in un bicchiere del tipo ballon a calice di media apertura. 



Stampa in PDF