A San Daniele la trota affumicata diventa “Regina”

Ha conquistato il palato dei gourmet più raffinati. E nel 2000 ha ottenuto il riconoscimento di Prodotto Agroalimentare Tradizionale
Friuli Venezia Giulia


Sulle colline friulane, a San Daniele, si produce una trota affumicata dal sapore inimitabile. Allevata in modo naturale nelle acque del Tagliamento e affumicata con una miscela di legni ed erbe aromatiche, la Regina di San Daniele è una specialità raffinata e di grande qualità. Basti pensare che da queste parti le trote sono allevate in acque spesso risorgive e quindi molto ossigenate.

In Friuli l’affumicatura della trota si faceva in casa con un metodo artigianale. Solo a partire dagli anni ’70 dalla tradizione famigliare si è passati a una produzione più ampia. Inizialmente lo scopo dell’affumicatura era soprattutto quello di conservare il prodotto, poi la tradizione è diventata protagonista di un gusto ricercato. Tanto che gli esperti dicono che questa trota non ha proprio nulla da invidiare al più diffuso salmone affumicato. Il colore della carne è rosa più o meno intenso, più carico se salmonata e alimentata con gamberetti.

Per preparare come si deve la Regina, la prima cosa da fare è sviscerare e salare a secco la trota. A questo punto ha inizio l'affumicatura con una particolare miscela di farine di legni duri, a foglia larga, non resinosi, e l'aggiunta di bacche aromatiche. Il processo dura fino a quattro giorni, poi il prodotto è pronto per essere confezionato in buste sottovuoto.

Per la precisione la Regina di San Daniele è un filetto di trota affumicato a freddo (la temperatura non supera i 30 °C), senza conservanti né coloranti, completamente salato e spinato a mano e infine affumicato con fumo. Il prodotto si chiama “Fil di fumo” se affumicato a caldo.
A tavola la trota affumicata del Friuli è perfetta in insalata o come antipasto, magari come ingrediente di semplici tartine. Il suo sapore deciso si sposa bene con il vino bianco, ancor meglio se di corpo e fruttato. Perfetti sono ad esempio la Ribolla gialla o il Soave superiore.

Nel 2000 la trota affumicata di San Daniele ha ottenuto il riconoscimento di Prodotto Agroalimentare Tradizionale (Pat). Sempre più apprezzata dai gourmet alla ricerca di prodotti unici, la trota affumicata è un alimento che aiuta il benessere. Come tutti i pesci, la trota dà una mano a combattere le malattie cardiovascolari: è infatti ricca di acidi grassi polinsaturi, in particolare di quegli omega 3 che contribuiscono a innalzare il colesterolo HDL, il cosiddetto “colesterolo buono”. I nutrizionisti la consigliano perché molto digeribile e allo stesso tempo nutriente, grazie a un elevato valore proteico e alla presenza di tutti gli aminoacidi essenziali.


Stampa in PDF