Sgombro, il pesce azzurro prezioso per il benessere

Dalla carne saporita e compatta il maccarello è considerato un pesce povero ma è ricco di proprietà nutrizionali. Ecco tutti i suoi segreti 

Puglia

Lo sgombro, noto anche come maccarello, è tra i pesci azzurri più apprezzati nella dieta mediterranea. Dal corpo allungato e affusolato, è un pesce piccolo, considerato “povero” perché, anche se molto diffuso, è meno richiesto di altre varietà. La sua carne, saporita e compatta, ha però ottime caratteristiche nutrizionali. Il consumo di sgombro è infatti consigliato per l’apporto in proteine ad alto valore biologico e soprattutto omega 3, acidi grassi essenziali utili per prevenire e curare le malattie cardiovascolari e combattere il colesterolo alto. Lo sgombro contiene anche micronutrienti: minerali come iodio, ferro, fosforo, magnesio, rame, potassio e vitamine del gruppo B e vitamina D. C’è di più. Non è un pesce allevato, quindi la sua alimentazione è completamente naturale, e non accumula grandi quantità di mercurio come pesci di grossa taglia come ad esempio tonno o pesce spada. Dalla sua, oltre a una grande versatilità in cucina, ha la capacità di saziare molto più della carne.

Al contrario di quanto si possa pensare, viste le ridotte dimensioni, è semplice da pulire e la sua preparazione è piuttosto rapida. In commercio lo si trova fresco ma anche congelato o, come il tonno, conservato in scatola o sottovetro, al naturale o sott’olio.

In generale è sempre meglio evitare il consumo di pesce crudo. Se vogliamo marinarlo per escludere il rischio di parassiti come l’anisakis, molto diffuso nel pesce azzurro, è bene congelarlo per almeno 96 ore a -18 °C o 9 ore a -40 °C.

Tutto quel che c'è da sapere sull'Anisakis, in quattro minuti

Pesce fresco e “Anisakis”: le tutele di Coop per la sicurezza

L’altra soluzione per eliminare i parassiti è la cottura a una temperatura superiore ai 60 °C.

I filetti di sgombro conservato sott’olio si prestano a numerose ricette. Già pronti per il consumo sono perfetti come antipasto e rappresentano una valida alternativa per un secondo piatto leggero e sfizioso. Lo sgombro può essere utilizzato per arricchire insalate, preparare panini o come condimento di primi piatti di pesce. Non solo. I filetti sminuzzati possono diventare un ottimo ripieno per lasagne o ravioli, persino gustosissime polpette. Fatti saltare semplicemente in padella con un po’ di arancia diventano un piatto gustoso e aromatico. Basta un po’ di fantasia e lo sgombro saprà stupirvi con il suo sapore intenso.



Stampa in PDF