Sugo e ragù di pesce per primi e secondi da leccarsi i baffi

Cucinati in casa o già pronti per il consumo queste specialità preparate con pesce fresco e salsa di pomodoro aggiungono sapore anche a semplici crostini 

Marche

Ragù e sughi di pesce portano subito a tavola il profumo del mare. Grazie a queste raffinate preparazioni con pochi e semplici ingredienti è possibile preparare gustosissimi primi piatti, crostini e focacce. Il ragù di pesce è una specialità tutta italiana capace di arricchire e aggiungere sapore a un gran numero di piatti. Per prepararlo è sempre bene scegliere pesce fresco e soprattutto di stagione come alici, cefali, orata, nasello, ricciola, sarago, sardina, spigola, vongole, scampi, totani, pesce spada, triglia e via dicendo. L’estate sarà comunque generosa e vi offrirà gli ingredienti per un ragù perfetto, compresi pomodori freschi nella varietà più adatta alla vostra ricetta, dal ciliegino al pomodoro di San Marzano. Bisognerà solo avere qualche accortezza: non esagerare con gli aromi e riuscire ad unire la cremosità del sugo al nostro ingrediente preferito. Ad esempio i moscardini sono perfetti per un sugo denso, mentre il pesce spada, tagliato a dadini e saltato in padella, è ottimo gustato con pomodorini freschi, aglio e capperi. Durante la preparazione bisognerà considerare che il pesce cuoce molto più rapidamente della carne e quindi non prolungare troppo la cottura.

Per un’alternativa rapida, in commercio si trovano prodotti pronti di qualità: c’è il ragù di mare che alla polpa di pomodoro unisce seppie, cozze, vongole, acciughe, canocchie, granchi, oltre agli aromi come cipolla, aglio e prezzemolo, ma anche prodotti che esaltano il sapore di un pesce in particolare, come ad esempio il sugo al tonno o il sugo allo stoccafisso preparato con polpa di pomodoro e soffritto di cipolla, carota, sedano, capperi e peperoncino. Per aggiungere un po’ di aroma al piatto non dimenticate di sfumare il sugo con un po’ di vino bianco.

Il lungo viaggio dello stoccafisso, dalla Norvegia alle cucine venete

C’è baccalà e bacalà: ecco lo stoccafisso secondo i vicentini

Il sugo pronto si versa direttamente sulla pasta facendola saltare in padella aggiungendo un po’ d’acqua di cottura. Per esaltare il sapore degli ingredienti un’accortezza è quella di scaldare il sugo a fuoco lento.

 



Stampa in PDF