“OPERA TUA”: VOTA L’OPERA D’ARTE DA RESTAURARE

Sei un socio di Coop Alleanza 3.0? Fino al 10 novembre per ogni tappa di “Sapori, si parte!” scegli un capolavoro artistico da recuperare
grazie al contributo della cooperativa: subito per te uno sconto per l'acquisto di prodotti del territorio!

Zucca mantovana: pianta rustica e facile da coltivare

Esistono diverse varietà adatte a diversi terreni. Paolo Sarzi, direttore dell'organizzazione di produttori Bellaguarda, ci insegna a riconoscerle

Lombardia

La zucca è una pianta rustica che non richiede cure complesse: “Per crescere bene ha bisogno di tanto sole, concime e acqua”, afferma Paolo Sarzi, direttore dell'organizzazione di produttori Bellaguarda, che dal 1956 commercia in campo ortofrutticolo. “E di terreni profondi e ben drenati come quelli della Bassa mantovana”. Qui la zucca più coltivata è la Piacentina, di grandi dimensioni e forma globosa schiacciata ai poli, con una buccia spessa color verde-grigio. La polpa è arancione acceso, molto soda e compatta, e ha un elevato tenore zuccherino.

A contenderle il primato, la cosiddetta “cappello da prete”, zucca tradizionale reggiana e mantovana dalla caratteristica forma triangolare, sviluppata dalle cultivar Berrettina e Marina di Chioggia. “Fino alla seconda guerra mondiale era la più diffusa nella Bassa padana”, racconta il direttore. Sul territorio sono presenti altre varietà di zucca, come la Butternut (detta “violina” perché ricorda lo strumento musicale), di dimensioni contenute, con la buccia bitorzoluta color camoscio e la polpa aranciata, di grana fine, pastosa e dolce.



Tra le varietà più utilizzate c'è invece la Delica, un ibrido con buccia liscia verde vivo, molto precoce e apprezzata per le sue qualità gastronomiche, come la polpa compatta e poco filamentosa, farinosa e giustamente zuccherina. “Più precoce e reperibile sul mercato, con forme e pesi ridotti, è l'ideale per acquisti veloci e consumi limitati”, spiega Sarzi. Per salvaguardare la sopravvivenza e garantire la continuità dei formati tradizionali, messi all'angolo dalle nuove varietà ibride, un gruppo di produttori, custodi delle poche sementi ancora in circolazione, nel 2004 è riuscito a ottenere dal Ministero delle Risorse agricole il riconoscimento della zucca mantovana come Prodotto Agroalimentare Tradizionale (PAT) della Lombardia.

Da settembre a dicembre, inoltre, il Consorzio Agrituristico Mantovano organizza la manifestazione “Di zucca in zucca”, giunta alla diciassettesima edizione. Le giornate della zucca sono un'occasione per conoscere le migliori aziende agricole e gli agriturismi mantovani, tra corsi di cucina, lezioni di intaglio vegetale, sedute di disegno dal vero, gare culinarie, feste popolari e mercati contadini. Con la possibilità di acquistare le zucche direttamente dai produttori.



Stampa in PDF