Agosto: è tempo di peperoni, melone e more

Ecco tre irresistibili specialità da inserire nella lista della spesa del mese per gustare al meglio i colori e i sapori della stagione

Guida all'acquisto

L’estate entra nel vivo e le tavole di stagione si riempiono di colori e sapori rinnovati. Agosto porta con sé nuove abitudini in cucina e liste della spesa più creative. Ecco qui tre specialità che non potranno mancare nei menù del mese.

In agosto entra nel pieno la stagione dei peperoni. Gustosi e diuretici, la loro succosa polpa è composta per il 90% da acqua e - specialmente quelli rossi - contengono una buona dose di vitamina C che aiuta a rafforzare l’organismo. A questo si aggiunge l’alto contenuto di vitamina A (circa 0,7 mg per 100 g), che permette ai peperoni di agire come antiossidante naturale. Per far fruttare al meglio le proprietà di quest’ortaggio si consiglia tuttavia di gustarlo crudo, magari condito con olio di oliva. E per chi lo trova indigesto la soluzione è quella di eliminare la pelle: operazione che può essere facilitata scottando lievemente il peperone sulla piastra.

La “cromoterapia” del peperone: non tutti i colori sono uguali

Chi vuole unire gusto intenso e leggerezza può invece portare in tavola il melone. Altamente dissentante, questo frutto è composto per circa il 90% da acqua, ma contiene anche importanti vitamine e minerali. Tra questi ultimi spiccano potassio, fosforo e calcio, mentre tra le vitamine si contano principalmente la C e la B3. Il melone è fresco e saziante: aiuta a mantenere la linea (circa 33 kcal per 100 grammi) e a combattere la stitichezza, ma anche a proteggere la pelle favorendo la tintarella grazie al betacarotene. Da sempre considerato simbolo di prosperità e fecondità, il melone è inoltre protagonista di numerose storie e leggende che appartengono a tempi antichi.

Scegliere il melone giusto? Si può andare “a occhio”, ma a volte è meglio “a naso”

Per i dolci spuntini di agosto, un posto di rilievo è occupato senz’altro dalle more, le regine tra i piccoli frutti di stagione. Grazie all’elevato contenuto di antiossidanti (tra cui antocianine, tannini, quercetina) le more sono un elisir di giovinezza e un alleato per il benessere della mente. Questi frutti di rovo sono inoltre dissetanti e depurativi grazie all’elevata presenza di acqua (circa 88%) e al buon apporto di potassio. Le more sono ricche di vitamine e di fibre, sia solubili che insolubili (100 g contengono 5,3 g di fibre totali), in particolare il contenuto di pectina pare aiuti a ridurre il colesterolo nel sangue e a favorire la digestione. Consigliabili fresche, ma da provare anche come ingredienti di succhi o marmellate.

Cibi per la mente: come scegliere alimenti neuro protettivi



Stampa in PDF