Fagiolini, cocomeri e melanzane: ecco tre protagonisti della spesa di Luglio

Qualche piccolo consiglio per conoscere più da vicino tre specialità di stagione che non posso mancare sulle tavole estive

Guida all'acquisto

A luglio entra nel vivo la stagione dei pasti leggeri e veloci, ma anche della frutta maturata al sole e della verdura fresca di giornata. Ecco allora qualche curiosità in più su tre immancabili protagonisti della spesa del mese.

Luglio è tempo di melanzane. Leggerissime (25 kcal per 100 grammi) e versatili, sono ottime per chi vuole restare in forma con gusto. Le melanzane sono ideali per depurarsi e rigenerarsi poiché ricche di acqua e sali minerali, in particolare di potassio (14 mg per 100 grammi), fosforo e magnesio. Contengono una buona dose di vitamine, mentre sono povere di grassi, carboidrati e proteine. Regine della cucina mediterranea, si apprezzano sia grigliate che cucinate in sughi più studiati tra cui il tipico “alla Norma”. Occorre tuttavia fare attenzione: le melanzane riescono infatti ad assorbire grandi quantità di olio e potrebbero appesantire certi piatti se troppo conditi.

Scrigno di taglierini con melanzane alla caprese

Da gustare insieme agli amici non c’è niente di meglio del cocomero che, in questa stagione, torna protagonista con il suo carico di sali minerali e antiossidanti. Leggero e fresco, il cocomero è composto per il 90% da acqua ma è ricco anche di vitamine dei gruppi A, B1, B2 e C. Mangiato nelle giornate calde è un ottimo dissetante, rigenerante e depurativo che aiuta chi ha problemi di ritenzione idrica. Tra i nutrienti del cocomero si conta anche il licopene, un antiossidante utile nella prevenzione dei tumori e nella lotta contro l’invecchiamento cellulare. È ottimo al naturale o in macedonia, in un dissetante centrifugato o come ingrediente per aperitivi estivi. 

Baby cocomero, per gustare l’estate aiutando la ricerca

Sulle tavole c’è spazio anche per i fagiolini. Ricchi di acqua, fibra e vitamine (16 mg di vitamina C per 100 grammi), sono i legumi che più si avvicinano agli ortaggi in termini di proprietà nutritive.  Questi baccelli, chiamati anche cornetti, sono ad esempio meno calorici dei fagioli (31 kcal per 100 grammi) e hanno un minore apporto di proteine e carboidrati. Per la loro leggerezza e il sapore delicato e versatile sono apprezzati in cucina anche da chi si sta dedicando a una dieta ipocalorica. Grazie alla quantità di fibre, in larga parte idrosolubili, sono anche alleati del benessere dell’intestino.

Fagiolini, questi sconosciuti: impariamo a conoscerli nel cuore della stagione



Stampa in PDF