Salicornia: l’asparago di mare dalle proprietà depurative

Cresce negli ambienti salini lungo i litorali del Mediterraneo. La sua raccolta arricchisce molte ricette primaverili

proprietà degli alimenti

La salicornia è una pianta spontanea del Mediterraneo dalle proprietà depurative e rinfrescanti. Tipica delle aree costiere ad alta densità salina, la salicornia è anche nota come asparago di mare: i suoi germogli s’incominciano a raccogliere in primavera, e andranno poi ad arricchire le ricette della tradizione costiera fino a settembre. In Italia la salicornia è tipica del litorale adriatico, ma si raccoglie anche nel Tirreno. Tra l’altro in Romagna l’asparago di mare dalle tante proprietà pare aver trovato casa nella Salina di Cervia, dove viene utilizzato anche per aromatizzare il sale.

Sale dolce di Cervia: non chiamatelo solo condimento

Ricca di sali minerali e vitamine, la salicornia è ideale per chi è in cerca di alimenti naturali dalle proprietà depurative e diuretiche. Ha poche calorie (22 per 100 grammi) e contiene inoltre iodio e bromo che pare abbiano un effetto calmante sull’organismo. La salicornia contiene vitamine C e B e il suo apporto di bioflavonoidi, tra cui la quercetina, ne fa un elisir di bellezza che aiuta a contrastare l’invecchiamento della pelle. Ma le virtù della salicornia non si esauriscono qui: diventano ancora più gustose quando sono valorizzate dalla gastronomia delle sue zone d’origine.

Grazie al sapore lievemente amarognolo, l’asparago di mare è un ottimo ingrediente per differenti ricette: è impiegato nella preparazione di zuppe e salse da abbinare a pesce e crostacei. La salicornia si cucina anche in frittate e dorata in pastella. I germogli più teneri si preparano bolliti o al vapore per essere serviti con olio, sale e limone. Infine - per gustarla tutto l’anno - la tradizione vuole che si conservi sott’olio o sott’aceto.

foto Di Liné1



Stampa in PDF