Semi oleosi: i vantaggi per il corpo e per la mente

La loro ricchezza di grassi essenziali li rende ottimi per gli studiosi e gli sportivi, ma non solo.
come ridurre il colesterolo “cattivo”


Chi ha detto che non ci sono grassi buoni? Quelli contenuti nei semi oleosi, ad esempio, sono grassi insaturi e polinsaturi (in particolare omega 3 e omega 6) che sono anche in grado di ridurre nell’organismo la quantità del colesterolo “cattivo”. Certo non c’è da esagerare, viste le elevate calorie di frutta secca e piccoli semi, tuttavia è bene sapere che apportano una buona quantità di proteine vegetali e di minerali.

Ma cosa si intende per semi oleosi? In questa categoria rientrano le classiche noci, nocciole, mandorle, pistacchi. Ma anche i piccoli semi come il sesamo, il lino, i semi di zucca e di girasole che - negli ultimi anni - si stanno imponendo sempre di più nelle ricette di ogni giorno e in tutte le regioni.

Per la loro ricchezza in grassi essenziali, proteine e minerali, i semi oleosi sono importanti per gli sportivi e gli studenti. Favoriscono il recupero muscolare, la memorizzazione e la concentrazione. Diminuiscono inoltre il carico glicemico del pasto (la velocità con cui gli zuccheri del pasto vengono assorbiti) in cui vengono consumati. E sono ottimi nei casi in cui aumenta il fabbisogno di minerali per garantire il benessere psico-fisico.

Per chi deve tenere a bada il colesterolo pare siano altamente consigliati i semi di girasole che preservano la salute del sistema cardiovascolare e hanno uno dei più ricchi contenuti di vitamine del mondo vegetale (con riferimento alle vitamina B1, ma anche A e E). Il sistema immunitario invece si rafforza con i semi di sesamo, ottimi da consumare anche tritati in sostituzione del sale. Chi ha problemi di intestino pigro può dedicarsi ai semi di lino che tra l’altro hanno un forte contenuto di omega 3, mentre per il benessere della vescica e dei muscoli sono ottimi i semi di zucca. Per consumarli non c’è che l’imbarazzo della scelta visto che si possono usare nei dolci così come in innumerevoli ricette, oppure semplicemente mischiati a una bella insalata.


Stampa in PDF