Dieta detox dopo gli eccessi a tavola

Gennaio è il momento giusto per rimettersi in forma dopo le Feste. Gli ortaggi di stagione e le specialità più leggere danno il loro contributo con principi nutritivi preziosi per il benessere 

Rimettersi in forma dopo le feste

Dopo le Feste, gli eccessi a tavola e i numerosi brindisi portano spesso a sgraditi risultati: la cintura stringe e lo stomaco è appesantito. E così il nuovo anno muove sempre i suoi primi passi con buoni propositi alimentari. Per cominciare bisogna mettere ordine e qualche regola, magari scritta, per non perdere del tutto la speranza di recuperare la forma fisica. In primo luogo bando alle golosità e spazio alle specialità più magre e agli ortaggi di stagione, che oltre a portare qualche beneficio sulla bilancia offrono vitamine e principi nutritivi fondamentali per il benessere.

Sui banchi della verdura troverete cavoli, broccoli, cime di rapa, rape, verza, sedano, radicchi, carciofi e cardi, cicoria, finocchi e carote, perfetti protagonisti di un menù detox. Le alternative per portare a tavola piatti gustosi e attenti alla linea di certo non mancano, basta ricordare di non esagerare mai con le quantità e di non mescolare troppi ingredienti.

In primo piano ci sono le cruciferebroccoli, cime di rapa, cavolo, cavolfiore, rape e rucola – che portano nella dieta clorofilla, vitamine A, C e K, polifenoli, flavonoidi, magnesio, acido folico, oltre a sali minerali come potassio, calcio, fosforo. Nella dieta sono consigliate per rafforzare le difese immunitarie e combattere i malanni stagionali. Sono ottime da mangiare crude e cotte, semplicemente condite con olio extravergine d’oliva e limone o magari accompagnate da riso integrale. Di stagione sono anche le cime di rapa, tenere infiorescenze dal sapore leggermente amaro, ottime da gustare dopo averle fatte saltare in un tegame con aglio, olio extravergine d’oliva e peperoncino.

Tra gli ortaggi perfetti per una dieta detox troviamo anche i finocchi. Freschi, croccanti e dall’apporto calorico decisamente basso – circa 9 calorie ogni 100 grammi – i finocchi hanno grandi proprietà depurative per l’organismo, soprattutto grazie all’elevato contenuto di acqua (93,2%) e per la presenza di fibre. Queste ultime sgonfiano la pancia e regolarizzano l’intestino riducendo l’assorbimento dei grassi. Dalla sua il finocchio ha anche la grande dote di dare un immediato senso di sazietà senza appesantire.

Agli ortaggi potrete unire alcuni cerali, meglio se integrali, come ad esempio l’orzo o il miglio, ma anche il cous cous, semola di grano duro gustosa e nutriente. I granelli di semola, ottenuti attraverso il processo di macinazione, una volta cotti al vapore trattengono acqua. Proprio per questa ragione il cous cous riesce a saziare e allo stesso garantire un apporto calorico inferiore a quello della pasta o del riso: 100 grammi di prodotto offrono un apporto calorico di circa 110 calorie. A tavola può essere servito in numerose varianti, sia caldo condito con verdure o carne, che freddo in insalata. Dal punto di vista nutrizionale è ricco di proteine, fibre e non contiene grassi come il colesterolo.

La carne dovrebbe essere consumata con moderazione, perché affatica lo stomaco e allunga i tempi di digestione. Una soluzione per consumarla senza appesantirsi è la bresaola, di bovino o di suino. Questo salume è magro, leggero e ricco di sapore. Meno conosciuta della bresaola di bovino è quella di suino, ottenuta dalla carne più tenera e magra di suini italiani, il lombo. Ricca di proteine e povera di grassi, questa specialità è altamente digeribile e ha poche calorie: una porzione da 100 grammi ha un apporto calorico di circa 160 kcal con 16% di grassi, 2% di carboidrati e 83% di proteine. Inoltre contiene ferro, sali minerali e vitamine.

Per apprezzare il sapore delicato e la consistenza della bresaola è consigliabile tagliarla a fette sottili e gustarla facendo attenzione a non cuocerla. La cottura, infatti, modifica il suo aroma delicatamente speziato.

Non resta che cominciare: gennaio è il momento giusto per nuove sperimentazioni in cucina.

 



Stampa in PDF