Biscotti con gli scarti dell'estrattore

Come ricavare una colazione da una merenda, biscotti deliziosi da un estratto di frutta e verdura! La ricetta della foodblogger Cinzia Torri di "Mammarum"

Dalla blogger di "mammarum"

Lo sapevate che con gli scarti della centrifuga e dell'estrattore è possibile preparare tantissime ricette? Gli scarti della centrifuga o dell'estrattore, infatti, non sono altro che polpa di frutta e verdura triturata. Perché buttarli via? Meglio sfruttarli come risorsa in cucina dal momento che sono in grado di arricchire le nostre ricette sia dal punto di vista organolettico che dal punto di vista salutare!

Gli scarti di polpa di frutta e verdura, ricchissimi di fibre che aiutano a regolare l'intestino e ad abbassare l'impatto glicemico del dolce, sono preziosissimi per tantissime preparazioni, sia dolci che salate: muffin, biscotti, plumcake, polpette… questa volta abbiamo deciso di preparare dei deliziosi biscotti da mangiare a colazione a partire dagli scarti dell'estratto di frutta che le mie bambine hanno bevuto a merenda, a base di mele, arance e carote!

Come ben saprete, se la frutta e la verdura utilizzata per la realizzazione del succo sono biologiche, potete tagliarle a pezzi assieme alla buccia (ad eccezione dell'arancia), mentre se non lo sono, è sempre meglio sbucciarle. I biscotti che vi insegno a fare oggi sono resi ancora più salutari dalla presenza dei fiocchi d’avena: sono ricchi di minerali e vitamine, sono energizzanti, aiutano la digestione grazie al loro potere lassativo, sono diuretici, depurativi e aiutano a ridurre il colesterolo nel sangue.

Utilizziamo come al solito lo zucchero di canna integrale che continuiamo a preferire allo zucchero bianco e allo zucchero di canna grezzo poiché non ha subito raffinazioni mediante processi chimici che riducono tutte le proprietà nutritive lasciando altri residui di lavorazione. Utilizziamo l'olio extra vergine di oliva, che preferiamo al burro nella preparazione dei dolci, poiché non contiene colesterolo e possiede i grassi buoni di cui il nostro organismo, in piccola parte, ha bisogno.

Potrete arricchire ancora di più questi biscottini aggiungendo del cioccolato o della frutta secca a pezzetti! Per aggiungere un po' di proteine vegetali alla ricetta, sarebbero perfette delle mandorle o delle nocciole tritate! Se invece aggiungerete datteri, prugne secche o altra frutta secca dolce a pezzetti, potrete diminuire ulteriormente lo zucchero nella ricetta.

BISCOTTI CON GLI SCARTI DELL'ESTRATTORE

Ingredienti:

  • - 200 g di farina integrale
  • - 100 g di fiocchi di avena
  • - 100 g di zucchero di canna integrale
  • - 120 g di scarti di estratto
  • - 50 g di gocce di cioccolato fondente
  • - 1/2 bustina di polvere lievitante
  • - 50 ml di olio (io di mais)
  • - 100 ml di acqua tiepida

 

Preparazione:

Frullate i fiocchi d’avena fino a ridurli in farina. Mettete in una ciotola tutti gli ingredienti secchi: farina, zucchero, scarti dell’estrattore, fiocchi d’avena ridotti in farina e lievito. Mescolate con un cucchiaio e con le mani in modo da amalgamarli tra loro senza formare troppi grumi. Aggiungete i liquidi e mescolate con un cucchiaio fino ad ottenere un composto omogeneo.

Con le mani ricavate tante palline, schiacciatele e appoggiatele su una teglia rivestita di carta da forno. Mano a mano che prendete l’impasto per fare i biscotti, se l’interno è troppo appiccicoso aggiungete all’occorrenza un cucchiaino di farina alla volta. Cuocete in forno caldo ventilato a 180° per circa 20.

Mammarum"Mammarum" è un blog dedicato alle mamme ricco di suggerimenti sugli alimenti e di trucchi su come taroccare un piatto per renderlo appetibile ai più piccoli. L’autrice, Cinzia Torri, racconta la sua esperienza diretta alle prese con i due figli e i relativi gusti alimentari.



Stampa in PDF