Quando a cucinare è il socio, la ciambella è al vino cotto

Il dolce marchigiano preparato con un prodotto della tradizione contadina secondo la ricetta di Matteo Giorgi di Ascoli Piceno

Dai soci Coop

“Di un bel colore rosso mattone a riflessi d’oro cupo, il sapore strano, affumicato e ruvido della sua moderata dolcezza corregge ed evita quella dolcezza vischiosa e a volte nauseante di tanti passiti e “marsalati”. C’è qualcosa di affascinante, di profondamente rustico e montano, nel vino cotto: o almeno in questo vino cotto”. Lo scrittore e giornalista Mario Soldati ci teneva molto a sottolineare l’unicità di questo prodotto tipico marchigiano. Soprattutto nelle province di Ascoli Piceno, Fermo, Macerata e Ancona, il vino cotto è fatto culturale, uno di quei prodotti che si legano alla storia del territorio e al mondo contadino.

Questa bevanda liquorosa, dal profumo fruttato e dal sapore dolce, non è, come molti pensano, vino bollito o riscaldato, ma mosto cotto, fermentato e invecchiato, perfetto per insaporire piatti a base di carne, accompagnare alcuni tipi di frutta come le pesche o nella preparazione di dolci. In passato chi aveva vitigni in campagna, con il vino cotto produceva anche deliziose ciambelle. Per Matteo Giorgi di Ascoli Piceno la ciambella al vino cotto è una di quelle specialità che raccontano la casa e descrivono le colline ascolane dove cresceva il vitigno di famiglia. La ciambella, dolce semplice e gustoso, preparata da mamma e nonna accompagnava spesso la colazione, e il nonno, come era consuetudine nella tradizione contadina, adorava intingerla nel vino.

CIAMBELLA AL VINO COTTO 

Ingredienti (per uno stampo da c.ca 22 cm):

  • - 3 uova
  • - 180 g di zucchero di canna
  • - un bicchiere di vino cotto
  • - un bicchiere di latte
  • - un bicchiere di olio di semi di mais
  • - una bustina di lievito per dolci 
  • - qualche goccia di estratto di vaniglia
  • - 450 g di farina tipo 0

 

Procedimento:
In una ciotola sbattete le uova con lo zucchero di canna aggiungendo il latte e l'olio di semi di mais, poi la farina setacciata col lievito alternandola al vino cotto. Continuate a mescolare fino ad ottenere un impasto omogeneo e profumate con qualche goccia di estratto di vaniglia. Sistemate la ciambella in uno stampo imburrato e infarinato e poi infornatela a 180 °C per circa 40/45 minuti.



Stampa in PDF