Cous Cous, il piatto unico è semplicemente perfetto

Tra i prodotti agroalimentari tradizionali siciliani, questa semola di grano duro sazia come la pasta e il riso ma con un apporto calorico inferiore 

Sicilia

Il cous cous o cuscus è una semola di grano duro gustosa e nutriente. I granelli di semola, ottenuti attraverso il processo di macinazione, sono del diametro di circa un millimetro e una volta cotti al vapore trattengono acqua. Per questa ragione il cous cous riesce a saziare e allo stesso garantire un apporto calorico inferiore a quello della pasta o del riso. Basti pensare che 100 grammi di prodotto hanno circa 110 calorie. Un aspetto che lo rende adatto anche per le diete, con la regola di non eccedere con le quantità e con i condimenti.

Al contrario di quanti molti pensano, il cous cous non è un alimento esotico, ma appartiene anche alla tradizione culinaria italiana. Questa semola, ampiamente diffusa nel Maghreb, si ritrova anche nelle ricette più tipiche della Sicilia e della Sardegna sudoccidentale.

Dal punto di vista nutrizionale è ricco di proteine, fibre e non contiene grassi come il colesterolo. La lavorazione della granella mantiene inalterate le proprietà del chicco offrendo sostanze capaci di contrastare l’invecchiamento cellulare come selenio, zinco e rame. Inoltre il cous cous ha un buon quantitativo di proteine – una porzione da 100 grammi ne contiene 6 grammi – ed è fonte di vitamina A e B.

Essendo altamente digeribile, il cous cous è un alimento adatto agli sportivi che hanno necessità di assimilare rapidamente i nutrienti. Cucinarlo è molto semplice: basta far bollire poca acqua con un pizzico di sale in una pentola. Una volta raggiunta l’ebollizione, bisogna spegnere il fuoco e aggiungere il cous cous precotto lasciandolo riposare. Pian piano i granelli assorbiranno tutta l’acqua e allora sarà possibile sgranare la semola con l’aiuto di una forchetta. L’unica raccomandazione è di non esagerare con l’acqua: bastano due dita e un dito o poco più di cous cous. A questo punto potrete condire il cous cous come preferite, con verdure preparate a parte magari con qualche spezia, carne o pesce.

Questo piatto unico può essere servito caldo o freddo, a seconda dagli ingredienti che andrete a scegliere. Una soluzione leggera e piacevole è quella di preparare un’insalata che potrete personalizzare aggiungendo legumi, rucola, taccole e tutto quello che la fantasia vi suggerisce.

In Sicilia, a Trapani, Favignana o San Vito Lo Capo dove si festeggia il piatto tipico con un festival, si cucina il cous cous alla trapanese, tra i prodotti agroalimentari tradizionali siciliani (Pat). In questo caso la semola è cotta a vapore in una speciale pentola forata di terracotta smaltata. La ricetta tipica è preparata con un brodo di pesce misto, “la ghiotta”. 

Se pensate di inserire il cous cous in una dieta per perdere qualche chilo, occhio agli ingredienti che andrete a scegliere. Se siete alla ricerca di un sapore più deciso non dimenticate che potrete sfruttare le doti delle erbe aromatiche e delle spezie, capaci di dare una sferzata di sapore ai vostri piatti. Qualche esempio? Erba cipollina fresca, finocchietto selvatico o curcuma.



Stampa in PDF