Il Ragusano DOP non ha nulla da nascondere. E rende pubblica la sua Carta d’Identità.

Inserendo il codice sul sito del Consorzio, puoi conoscere la vita di ogni singola forma e perfino i nomi di chi l’ha lavorata

Sicilia

I consumatori sono sempre più attenti a ciò che consumano, sia per quanto riguarda la provenienza degli alimenti che il modo in cui vengono prodotti. La buona notizia è che anche molti produttori si stanno impegnando per soddisfare queste legittime esigenze, dando spesso vita a progetti e soluzioni che fanno il bene di un prodotto. Un esempio interessante è il progetto avviato dal Consorzio di tutela del formaggio Ragusano DOP. Questa eccellenza della produzione casearia siciliana è il terreno di sperimentazione di uno dei sistemi di tracciabilità più evoluti e completi che siano attualmente accessibili al pubblico.

Sul sito dell’organizzazione, ogni consumatore può visualizzare la storia della forma a partire dal codice di tracciabilità presente su ogni Ragusano DOP immesso in commercio dalle aziende aderenti al Consorzio. Il sistema è stato pensato per venire incontro a chiunque: è possibile avere informazioni via sms, via telefonica, oppure direttamente sul sito web.

Una volta inserito il codice si apre tutto il mondo del Ragusano DOP. Non soltanto una semplice scheda con poche informazioni tecniche difficili da interpretare, ma una vera e propria panoramica storica della zona di produzione, con diversi approfondimenti sulle caratteristiche geografiche del territorio. Una seconda sezione racconta nel dettaglio l’azienda che lo ha prodotto: le persone, le strutture, le modalità di lavorazione, la giornata tipo, una galleria fotografica. Troviamo infine una sezione dedicata alla forma che il consumatore ha tra le mani: vengono elencate tutte le caratteristiche di quella specifica partita di prodotto e perfino i nomi delle persone che hanno effettuato la lavorazione, in quali orari, con quale latte e tipo di stagionatura.

Potrebbe interessarti anche 


Stampa in PDF