Succo di Romagna

Pesche e nettarine, ma non solo: Pempacorer coltiva frutta e verdura tutto l’anno, con produzioni DOP e IGP. Le radici cooperative della nostra regione continuano a germogliare

Emilia-Romagna

Le cooperative ortofrutticole sono parte della storia dell’Emilia-Romagna. Un tempo ce n’era una per paese, poi con la riduzione dell’ortofrutta molti produttori si sono riciclati in attività diverse e le cooperative locali, per sopravvivere, si sono aggregate tra loro. È così che negli anni ’50 è nata Pempacorer, organizzazione di produttori con oltre 7000 soci (associati alla cooperativa di base Terremerse).

Fornitore di Coop fin dagli anni ’80, Pempacorer coltiva prodotti tipici del territorio romagnolo come asparagi, albicocche, angurie, pesche, nettarine, susine, patate, cipolle, mele, pere, kaki e kiwi. All’interno di questa gamma, i cui cicli di produzione stagionale coprono l’intero arco dell’anno, spiccano i prodotti con protezione della Comunità Europea. Come la pesca e la nettarina di Romagna IGP, la patata di Bologna DOP e la pera dell’Emilia Romagna IGP.

Il fiore all’occhiello è la produzione commercializzata con il marchio “Appena Colta”. Dal 2006 questa linea è dedicata a pesche e nettarine. “Il consumatore chiedeva un frutto più maturo e gustoso”, spiega Ivo Lanconelli, Responsabile commerciale GDO. “Per rispondere bisognava che la produzione e le fasi successive salvaguardassero queste esigenze”. Dolci, succose e profumatissime, queste pesche e nettarine vengono vendute in vassoi da quattro frutti: prelevate al mattino, vengono lavorate a caldo e consegnate nel giro di un giorno, senza passare dalle celle frigorifere per salvaguardarne gli aromi.

La frutta e gli ortaggi prodotti dalle aziende agricole socie di Pempacorer sono accuratamente selezionate e adottano i disciplinari di produzione integrata della Regione Emilia Romagna. Pempacorer promuove anche pratiche colturali e tecniche di produzione rispettose dell’ambiente e attente alla salute del consumatore, privilegiando le produzioni a basso impatto ambientale e biologiche.



Stampa in PDF