Un unico gruppo, molti assi nella manica

La storia di Unibon, “costola” cooperativa delle due anime di GSI ed esempio di filiera verticale integrata

Emilia-Romagna

Nel 2000 la firma dell’accordo tra la emiliana Unibon e l’altoatesina Senfter determina la nascita della prima joint venture paritetica italiana tra un gruppo cooperativo e uno privato. Così è nata GSI, che ha rappresentato per entrambe le parti una grossa opportunità di crescita.

Anche la storia dell’emiliana Unibon inizia con una fusione, avvenuta nel 1991 tra ACM (Azienda Cooperativa di Macellazione) di Reggio Emilia, fondata nel 1946, e la gemella CIAM (Cooperativa Interprovinciale Alimentari Modena), fondata nel 1948. La base sociale delle due cooperative appartiene al mondo contadino ed è espressione a una forte volontà di mutualismo a sostegno delle fasce più deboli della popolazione. La possibilità per gli allevatori di gestire macelli propri è il primo tassello per la definizione di fasi integrate di produzione.

All’inizio degli anni ’60 ACM decide poi di estendere macellazione e lavorazione anche alle carni suine, creando il marchio leggendario di salumi Asso, ispirato alle carte da gioco piacentine. Con la creazione di Unibon – Salumifici e Allevamenti e l’inaugurazione del marchio Casa Modena, si completa l’integrazione verticale di filiera, primo caso in Emilia.



Stampa in PDF