Radici del sud: un week end per innamorarsi dell’arte vitivinicola meridionale

Fino a lunedì 9 giugno in provincia di Brindisi sarà protagonista il vino locale tra degustazioni, virtuosismi culinari e giardini secolari.
Puglia
Fino a lunedì 9 giugno in provincia di Brindisi sarà protagonista il vino locale tra degustazioni, virtuosismi culinari e giardini secolari.

Scoprire i vini del sud immersi tra i segreti e le atmosfere della Puglia. È un’esperienza dai connotati sognanti quella proposta da Radici del sud”, il salone del vino da vitigno autoctono che ha riunito in un’antica masseria di Carovigno (Brindisi) le eccellenze dell’arte vitivinicola meridionale. Le danze sono già aperte e c’è tempo fino a lunedì 9 giugno per immergersi tra i sapori e le tradizioni di terre splendide.

La manifestazione, infatti, non è solo rivolta a produttori, wine buyer e giornalisti, ma anche ad appassionati e amanti del buon bere che intendono conoscere l’evoluzione dei vini - rigorosamente da vitigno autoctono - che arricchiscono il meridione italiano. Le giornate di chiusura della manifestazione saranno dedicate proprio ai wine-lovers che potranno degustare i vini e sperimentare abbinamenti gastronomici locali.

Ad arricchire gli appuntamenti conclusivi ci penseranno anche le Isole del food”, spazi tematici dedicati al talento dei migliori chef pugliesi. I maestri dei fornelli stupiranno il pubblico con performance culinarie abbinate alle tante etichette di Puglia, Basilicata, Campania, Calabria e Sicilia. “Radici del sud” ospiterà inoltre diversi incontri e il convegno sul tema “L'economia vitivinicola del Sud al tempo della crisi”. E per questa nuova edizione, i 386 vini di Puglia, Basilicata, Campania e Calabria parteciperanno al concorso enologico presieduto da una giuria nazionale e internazionale. 


Stampa in PDF